Carlo Kurtz Baranzini

“Write drunk; edit sober.” E. Hemingway

Popcorn Time: The Green Inferno – Recensione

li uffici di Koch Media si trasformano in un Deodatesco Inferno Verde durante l’anteprima assoluta di The Green Inferno. Regia di Eli Roth (Hostel, Cabin Fever, nonché l’indimenticabile Barenjude di Bastardi Senza Gloria), ufficialmente nelle sale italiane a partire da giovedì 24 settembre. Avevo aspettative alte, molto alte, legate a questa pellicola: da amante dell’horror e fermo sostenitore del...[Leggi di più]

Tributo a Wes Craven (1939 – 2015)

R.I.P. Wes Craven (1939 – 2015) Si è spento all’età di 76 anni uno dei maestri assoluti del Cinema: non specifico “horror” perché l’opera di Craven ha plasmato, stravolto, rivoluzionato questa sublime arte trascendendo il genere e giocando con lo spettatore come pochi altri directors sono riusciti a fare. Inaugura la sua carriera nel 1972 con L’Ultima Casa a Sinistra e da quel momento contin...[Leggi di più]

Popcorn Time: Mia Madre

La cinematografia di Nanni Moretti ha sempre racchiuso un’invidiabile pluralità di anime e sembianze: dai tempi di Ecce Bombo (1978) alla contemporaneità di Habemus Papam (2011) il regista romano è sempre riuscito a imbastire racconti godibili, a tratti quasi “frivoli”, intorno a tematiche complesse, profonde, importanti senza stonare o sbavare il tratto. Alcuni momenti del suo Cinema sono di fatt...[Leggi di più]

Popcorn Time: Wild

Sull’onda dell’ottimo successo di critica e pubblico riscosso da Dallas Buyers Club, Jean-Marc Vallée torna su grande schermo con Wild. Il film assomiglia parecchio al deja-cult interpretato da Matthew McConaughey e Jared Leto – almeno a livello di “ricetta” – proponendoci una storia di tragica redenzione spirituale e fisica che scende a patti con le tragedie umane alla ricerca di una via di fuga…...[Leggi di più]

Popcorn Time: Fast & Furious 7

James Wan (director di Saw e The Conjuring) inscena il lungo e spettacolare addio a Paul Walker con la regia di Fast & Furious 7. La saga inaugurata nel 2001 da Rob Cohen ha conosciuto alti e bassi: se il primo film si trasformò in un instant cult con una semplicità decisamente invidiabile, i successivi tracciarono una parabola discendente senza trovare una vera e propria quadratura capace di ...[Leggi di più]

Popcorn Time: Focus – Niente è come sembra

Will Smith è Nicky Spurgeon, abile manipolatore capace di giocare con l’attenzione e la concentrazione altrui per raggiungere qualunque scopo si sia prefissato. Margot Robbie è Jess, biondissima femme fatale pronta ad entrare in rotta di collisione con il nostro protagonista e – forse – regalargli la prima, grande, unica distrazione della sua vita: l’amore. Per la regia di Glenn Ficarra e John Req...[Leggi di più]

Popcorn Time: Vizio di Forma

Paul Thomas Anderson è un grande regista, lo sappiamo bene. Joaquin Phoenix è un grande attore, lo sappiamo altrettanto bene. Un sodalizio artistico tra i due non può che generare un grande film, come già avvenne nel 2012 con The Master. Eccoci qua – tre anni dopo – sulla comoda poltrona della nostra sala preferita ad aspettare che si spengano le luci e si apra il sipario su Vizio di Forma (Inhere...[Leggi di più]

Popcorn Time: Speciale Oscar

Trascorsi cinque giorni dalla notte più attesa di Hollywood vincitori e vinti sono ormai noti: proprio per questo il mio articolo non sarà l’ennesima cronaca dell’evento – inutile – piuttosto un breve stream of consciousness basato su impressioni e opinioni personali. Protagonisti di questo serpeggiante flusso di “istantanee” saranno i film (premiati e non) tralasciando la cerimonia in sé. Come di...[Leggi di più]

Popcorn Time: Taken 3 – L’Ora della Verità

Liam Neeson richiamato alle armi per la terza volta nell’ennesimo cocktail al tritolo che – forse – il produttore Luc Besson poteva risparmiarsi. Per la regia di Olivier Megaton, oggi parliamo di Taken 3. Squadra che vince non si cambia, infatti l’episodio conclusivo della trilogia della vendetta va ad allinearsi alla perfezione con i capitoli precedenti e ci ripropone lo schema con cui debuttò – ...[Leggi di più]

Popcorn Time: Cinquanta Sfumature di Grigio

Il 2012 – “alla faccia dei Maya e di Cinecittà” citando Caparezza –  non ha portato con sé la fine dei tempi bensì la prima edizione italiana del fortunatissimo romanzo siglato E.L.James: Cinquanta Sfumature di Grigio. Non mi addentrerò in una critica letteraria abbozzata quanto inutile, il preciso obiettivo di un’opera simile è vendere, vendere e ancora vendere e direi che è stato raggiunto...[Leggi di più]

Popcorn Time: Unbroken

Angelina Jolie si siede dietro la macchina da presa e ci racconta il calvario di Louis Zamperini, atleta olimpionico prima, soldato poi, alla deriva tra i flutti dell’oceano per 47 giorni in seguito ad un incidente aereo, successivamente salvato/catturato dai giapponesi e rinchiuso in un campo di prigionia sotto lo sguardo spietato del suo aguzzino, il sergente Watanabe. Nonostante qualche perples...[Leggi di più]

Popcorn Time: La Teoria del Tutto

La Teoria del Tutto racconta tutto tranne la teoria. Potrei riassumere così la pellicola siglata James Marsh, 120 minuti di fiction rosa più che l’attesa e dovuta celebrazione di una delle menti più grandi della Storia, contemporanea e non. Eddie Redmayne interpreta Stephen Hawking, il genio colpito (ma mai affondato) dalla SLA e costretto ad una prova di forza e coraggio che non tutti avrebbero s...[Leggi di più]

Lost Password