Life is Strange: True Colors – Recensione

Acquista Ora

I colori venuti da Haven Springs

Life is Strange: True Colors
Life is Strange: True Colors – Recensione

Life is Strange: True Colors ci proietta nei panni di Alex Chen che nasconde da anni la sua maledizione: ovvero l'abilità sovrannaturale di percepire, assorbire e manipolare le emozioni più intense delle altre persone, che lei vede come delle aure colorate. Dopo la morte di suo fratello per un cosiddetto "incidente", Alex deve imparare a controllare il suo potere instabile per scoprire la verità e gli oscuri segreti di una piccola cittadina. Il futuro di Alex Chen è nelle tue mani, infatti sarai tu a controllare il suo potere e le sue azioni.

Data di Uscita:Genere:PEGI:Sviluppatore:Editore:

Life is Strange: True Colors è arrivato. Annunciato con una certa sorpresa in uno Square Enix Presents nei primi mesi dell’anno, prometteva una nuova protagonista, una nuova città e anche un nuovo mistero. Un tabula rasa che dopo la parziale delusione, anche da parte del pubblico, di Life is Strange 2, non stupisce affatto. Al timone questa volta non c’è Dontnod ma gli autori dell’insospettabilmente apprezzato Before the Storm, prequel della fortunata storia di Maxine e Chloe.

Non stupisce quindi che Deck Nine sia voluta tornare a quelle atmosfere, in un modo che potrebbe risultare furbo, ma che in realtà è piuttosto coerente con l’identità e il loro lavoro sulla serie. Una nuova città, una nuova protagonista. Dopo 6 anni dall’originale, forse i tempi sono maturi per dare ad un nuovo pubblico young adult il “loro” Life is Strange.

Life is Strange: True Colors

Life is Strange: True Colors ha fin da subito un sapore estremamente familiare: è infatti ambientato nella deliziosa Haven Springs, cittadina del Colorado avvolta dalle montagne e da una rigogliosa vegetazione. Un posto tranquillo, con una comunità piccola ma particolarmente unita. L’arrivo ad Haven Springs della giovane Alex Chen viene fin da subito mostrato con i connotati di un viaggio della speranza, un approdo a lungo cercato dalla nostra protagonista e finalmente trovato.

Da questo punto di vista, la narrazione di True Colors pone grande cura nel delineare il carattere e il background narrativo di Alex. L’arrivo ad Haven è solo un tassello di questo puzzle, che scava a fondo nel suo passato e in quello di Gabe, il fratello maggiore. Alex è schiva e sulla difensiva, lo si vede dai gesti e dalle espressioni che caratterizzano i suoi primi dialoghi, questa volta supportati da un Unreal Engine 4 egregiamente sfruttato per il lip sync e per l’espressività facciale. L’arrivo in città è ricolmo di gioia e di rinnovate possibilità, ma deve fare presto i conti con un’infausta tragedia. Nonostante faccia da parziale incipit alla storia anche nei materiali promozionali, eviteremo di fare spoiler e focalizzeremo questa recensione sulle qualità e criticità dell’esperienza, senza scendere nel merito.

Life is Strange: True Colors ha un sapore estremamente familiare

Life is Strange: True Colors presenta due livelli di lettura: uno incentrato su Alex, e sul suo tentativo di accettare se stessa e abbracciare una nuova vita; l’altro sulla risoluzione del mistero dietro questo sfortunato evento. Nonostante il secondo livello sia di fatto ciò su cui si basa tutto l’intreccio e la catena di eventi e rapporti che coinvolgono Alex, è fin da subito piuttosto chiaro come Deck Nine voglia raccontare una storia di profonda umanità.

Alex è diversa, ha un potere che le permette di percepire i sentimenti delle persone, di capire cosa pensano quando un forte sentimento negativo si fa strada nella loro mente. Poter percepire le emozioni altrui, ma anche i loro pensieri, può essere effettivamente una condanna, soprattutto quando queste sono paura, tristezza e rabbia. Una condanna, ma anche un dono.

Una narrazione che non rinuncia a voler raccontare una parabola sull’accettazione di sé, ma anche sul confine che separa l’aiutare qualcuno e il farsi carico dei macigni altrui.

Life is Strange: True Colors

Alex percepisce i sentimenti delle persone come aure colorate, il cui colore determina il tipo di emozione provata. Questo elemento narrativo si sposa benissimo con l’idea di gameplay tipica di Life is Strange, risultando funzionale e ben contestualizzata.

True Colors si pone in modo piuttosto classico, abbracciando ancora una volta la forma di un’avventura interattiva in terza persona, fortemente incentrata sui dialoghi e le scelte. Attraverso la meccanica dell’empatia, potremo percepire i sentimenti e i pensieri di quasi tutti i personaggi che popolano Haven Springs. Un modo interessante per andare a fondo, scrutarli e analizzarli con gli occhi di Alex.

Alex percepisce i sentimenti delle persone come aure colorate, il cui colore determina il tipo di emozione provata

In termini di gameplay ci permette un accesso più diretto per ottenere informazioni o elementi che ci aiutano a comprenderne il background emotivo e le motivazioni. Permette anche di mettere in scena storie secondarie che potremo influenzare durante gli episodi. Che sia aiutare due amici a confessare i propri sentimenti, o due gelatai a creare il gelato perfetto. Ma in termini emotivi, fin dai primi episodi diventa un modo per il giocatore e per Alex di interfacciarsi con le storie dei personaggi. Alcune di queste sono davvero d’impatto, permettendoci di andare a fondo di una particolare emozione con sezioni di gameplay dedicate. Capire perché qualcuno prova una forte rabbia, ma anche una forte tristezza e agire di conseguenza.

Deck Nine aveva già dimostrato con Before the Storm una certa capacità di caratterizzare i personaggi e le loro motivazioni, evitando di dare vita a personaggi bidimensionali e stereotipati. True Colors non è da meno, e riesce in modo fresco e naturale a dare vita ad un ecosistema di personaggi credibile e interessante. Nell’arco dei 5 episodi che compongono l’esperienza, Alex avrà modo di seguire le storie di questa città in una narrazione organica e coerente, con un crescendo emotivo che si arricchisce grazie alle molteplici interazioni che potremo avere in ognuno dei suoi personaggi.

Life is Strange: True Colors

Proprio nei suoi personaggi True Colors eccelle, riuscendo ad offrire al giocatore dei momenti di grande umanità. Come non essere incuriositi dall’esuberante Steph, o dal compassato e gentile Ryan. Ma anche da quel buffo signore sulla sessantina che siede al tavolo con un gran sorrisone e ha un nome bizzarro che sembra uscito da una casata nobile del passato. I dialoghi sono naturali e ben scritti, e solo in qualche passaggio mostrano il fianco a qualche critica. Sia in termini di coerenza che di reazioni dei personaggi.

Nell’arco delle 10 ore richieste per completarle i 5 episodi, tutti disponibili fin da subito, Life is Strange: True Colors si dimostra capace di abbracciare l’eredità della serie e declinarla con gusto moderno. Nonostante questo, True Colors ha il difetto di non avere un intreccio all’altezza dei personaggi che lo mettono in scena. Ognuno di essi è credibile e ben riuscito, ma nel momento in cui i nodi vengono al pettine, è impossibile non constatare come la sceneggiatura scricchioli e ceda il passo a qualche forzatura. Questo non si pone come demerito assoluto per la vicenda di Alex, ed è sicuramente un elemento sui cui inciderà molto la vostra capacità di “sospendere l’incredulità”.


Conclusioni

Life is Strange: True Colors è un’esperienza con tanto cuore. Alcuni dei momenti più belli sono frutto della capacità di Deck Nine di raccontare e mettere in scena la mondanità della vita, nella sua bellezza e nella sua tragedia. Lo fa con dei bei personaggi, capaci di dare vita ad un piccolo e affascinante universo cittadino, dando ad Haven Springs il merito di essere molto più di ciò che sembra. Alex è poi una protagonista con un certo vissuto, che viene arricchito episodio dopo episodio e si distacca dal passato, offrendo una lettura più matura e meno stereotipata della giovinezza.

Il difetto di Life is Strange: True Colors è che il “mistero” si esaurisce con qualche forzatura e facilità di troppo, in un finale che tiene però conto delle nostre scelte in modo più organico rispetto al passato. Ma True Colors è bello anche per altri motivi, dalla rinnovata veste grafica (finalmente delle animazioni all’altezza!) ad una colonna sonora deliziosamente ricercata. Un inno alla scoperta, alla diversità, ma anche all’importanza di ascoltare le proprie emozioni, prima di quelle degli altri.

Life is Strange: True Colors è disponibile da GameStop Italia

Good

  • Alex e gli altri personaggi sono ben scritti e caratterizzati
  • Ottimo uso dell'Unreal Engine 4, con animazioni e dettagli superiori al passato
  • Colonna sonora sempre puntuale e bella
  • Il concept delle emozioni unisce narrazione e gameplay efficacemente
  • Gli episodi disponibili fin da subito aiutano il ritmo

Bad

  • Alcune reazioni dei personaggi non sono coerenti
  • La risoluzione del mistero è troppo facile e lascia spazio a qualche forzatura
  • Il gameplay è un po' quello di sempre
8.2

Imperdibile

Mi piacciono i videogiochi e mi piace scrivere, perché non unire le due cose? So anche imitare Topolino e Joe Bastianich, ma non mi pagano per farlo.

Lost Password