Sniper Elite 4 – Guida ai collezionabili di San Celini

Sniper Elite 4

PC PS4 Xbox One
Acquista Ora
7.6

NIENTE MALE

9.7

Voto Utenti

Sniper Elite 4 – Guida ai collezionabili di San Celini

Occhio di falco per i segreti più nascosti

Sniper Elite 4 – Guida ai collezionabili di San Celini

Dopo essere passato sotto la lente d’ingrandimento per la recensione, chiamiamo ancora in causa di Karl Fairburne con la nostra serie di guide su Sniper Elite 4: durante le sue missioni, il cecchino avrà la possibilità di raccogliere documenti di vario tipo e persino abbattere simbolicamente il potere nazista sul territorio italiano distruggendone le effigi. Passo dopo passo vi aiuteremo a diventare dei veri completisti e sbloccare inoltre i trofei Il collezionista, Pennuti spennati e I più grandi successi. Cominciamo da San Celini, battesimo di fuoco per Fairburne in Italia e luogo del suo obiettivo principale, il Generale Schmidt. Ricordiamo che i collezionabili non possono essere mancati e potrete rigiocare una missione quante volte volete, dopo averla completata la prima volta, per recuperare tutti quelli che avete lasciato indietro.

Per facilitare le cose abbiamo preparato una mappa completa dell’isola e riportato l’esatta locazione di ciascun collezionabile, 31 in totale: note di missione, aquile di pietra, lettere a casa, lettere da casa, registri di servizio/ultime lettere e documenti vari. Utilizzatela come riferimento durante la ricerca, soprattutto perché molti sono solo da trovare e raccogliere ma altri sono in possesso di soldati e ufficiali.

NOTE DI MISSIONE

Ce n’è una sola in tutta San Celini ed è il primo collezionabile che acquisirete. Dopo aver ucciso i soldati sganciando i materiali appesi con un colpo ben piazzato, esservi arrampicati fino in cima e oltrepassato l’apertura nel muro, Fairburne vi farà notare che la torre poco più avanti può essere un buon punto di vantaggio: sul tavolo all’interno, assieme ad alcune munizioni, troverete il rapporto che state cercando.

AQUILE DI PIETRA

Piccole statue di pietra che simboleggiano la presenza nazista sul territorio, sono generalmente poste sui punti più alti degli edifici e in tutta San Celini ce ne sono tre in totale, ciascuna su una torre differente.

  • Partendo dalla stessa torre dove avete trovato la nota di missione, voltatevi e guardate attraverso l’apertura nella parete. A sinistra del faro, sulla distanza, la vedrete sulla cima di una torre in rovina.

  • Nella parte più a sud dell’isola, sopra l’area d’azione di uno degli ufficiali, in cima a una torre in rovina.

  • Nella parte più a est vedrete un’altra piccola torre in rovina. Cercate sulla sommità per trovare l’aquila.

LETTERE A CASA

Cinque in totale, queste missive indirizzate a famiglia e conoscenti a casa non sono ancora state spedite e possono essere recuperate perquisendo i cadaveri dei soldati uccisi oppure l’ambiente circostante.

  • A est della prima torre, dove avete trovato la nota di missione, c’è una piccola area con una delle cineprese da distruggere come missione secondaria. Liberate la zona dai tre soldati di fanteria, cercate il fuoco da campo lì vicino e troverete la lettera abbandonata su uno dei tronchi che lo circondano.

  • Perquisite il piccolo campo lungo la strada per il posto di blocco, a ovest rispetto all’area di azione più centrale di uno dei generali, per raccoglierlo in una delle due tende. È appena oltre la strada asfaltata.

  • Nei pressi della torre in rovina dove avete distrutto l’aquila di pietra #2 c’è un altro piccolo campo con due tende e dentro una di queste, dopo esservi occupati dei nemici, troverete la lettera su un tavolo.

  • A est del punto precedente, scendete le scale per raggiungere il livello inferiore e trovare così un fuoco da campo circondato da scatole e scorte di vario genere. La lettera è su uno dei posti a sedere.

  • Nell’unico edificio accessibile del villaggio, quello con il generatore posto sulla balconata e una colonna di metallo, dopo esservi sbarazzati dell’ufficiale e dei soldati controllate a piano terra, dietro le librerie.


LETTERE DA CASA

Ancora per un totale di cinque, si tratta di missive che offrono informazioni sulla guerra da parte delle famiglie, degli amici e dei conoscenti dei soldati. Le si può trovare nell’ambiente o sui cadaveri dei soldati.

  • A nord dell’isola, non molto distante dall’area di azione di uno degli ufficiali, cercate dentro una delle tende poco più in là rispetto alla strada asfaltata per raccogliere la lettera da un tavolo.

  • Nella parte ovest dell’isola, in una zona che in linea d’aria guarda verso la torre dove avete trovato la nota di missione, perquisite il piccolo campo per trovare la lettera all’interno di una delle tende.

  • Nel tunnel parzialmente crollato, usato come checkpoint e da liberare per completare una missione secondaria. Accedetevi dall’ingresso ovest, passate la prima porta sulla sinistra e guardate sul tavolo.

  • Prima del fienile dove si trova la seconda cinepresa da distruggere e uno degli ufficiali da eliminare, c’è una casa bianca in rovina e un cortile sul retro accessibile senza essere visti attraverso un piccolo ingresso ad arco. Di fronte a voi, oltre il ceppo con l’accetta e accanto a una pozza d’acqua, c’è un tavolo con alcune strumentazioni radio: accanto ad esse si trova la lettera che state cercando.

  • Nella villa dove si trova Schmidt andate sul retro, salite le due scale a pioli per raggiungere l’ufficio del terzo piano (dove c’è la cassaforte) e prendete la lettera dal tavolo, accanto alla macchina da scrivere.


DOCUMENTI VARI

Promemoria, lettere ufficiali, verbali, diari e persino poesie… A San Celini sono otto i documenti che è possibile trovare nell’ambiente o sui corpi delle truppe nemiche. Alcuni sono essenziali per la missione.

  • A nord dell’isola. Sotto il portico della casa rosa, nell’area di azione di uno degli ufficiali, dopo aver liberato la zona dai nemici cercate su un tavolo di legno accanto ad alcuni bicchiere e delle tazze.

  • Nell’area di azione dell’ufficiale più a sud, in riva al mare, cercate nell’ufficio per trovare il documento.

  • Nello stesso ufficio di cui sopra, su un tavolo opposto, troverete un altro di questi collezionabili.

  • Nella stessa area dove avete trovato la lettera da casa #4, entrando dal piccolo ingresso ad arco guardate subito sulla vostra destra per notrare un mucchio di rottami. Sopra ad essi, il documento.

  • Nel fienile dove si trova la seconda cinepresa da distruggere per completare la missione secondaria e uno degli ufficiali, controllate accanto agli strumenti radio per raccogliere uno di questi documenti.

  • Nel villaggio, area di azione di uno degli ufficiali, controllate in una sorta di gazebo a destra dell’edificio con il generatore: su un tavolo di legno, accanto a un secchio di metallo, troverete il documento.

  • Stesso villaggio, l’edificio dove avete trovato la lettera a casa #5. Secondo piano, accanto al telefono.

  • Il Generale Schmidt, nella villa a nord, ne possiede uno. È obbligatorio ai fini della missione principale.


REGISTRI DI SERVIZIO / ULTIME LETTERE

Ciascuno dei quattro registri è in possesso degli ufficiali che dovete eliminare per completare la missione, segnati sulla mappa con un grosso punto interrogativo; per quanto riguarda le lettere, invece, le troverete perquisendo i corpi dei soldati uccisi e generalmente si tratta degli uomini vicini agli ufficiali. Usate il binocolo per marcare i nemici e verificare chi le possiede: sono segnate come “Oggetti Speciali”.

Per questa missione è tutto. Continuate a seguirci con la prossima guida dedicata al Villaggio di Bitanti!

Questa guida è stata scritta esclusivamente per GameSoul, è quindi vietata la riproduzione di tale guida o parti di essa senza il consenso dell’autore. ©2017 by GameSoul.it. All Rights Reserved. Creative Commons: Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 2.5 Italia Game content and materials copyright ©2017 by Rebellion Developments. All rights reserved.


Cresciuta negli anni ’90 con un Game Boy e un Nintendo 64, è poi diventata ancora bambina un’adepta Sony a tempo pieno, ma appena può si dedica anche ad altre console. Da Metal Gear ha imparato l’approccio stealth, che applica anche alla vita reale riducendo al minimo la sua socialità; quando non è impegnata a nascondersi in una scatola di cartone e pretendere di passare inosservata, però, chiacchiera volentieri di qualsiasi cosa. Videogiochi in testa, ovviamente. E quando non parla, scrive o gioca, legge principalmente romanzi gialli.

Lost Password