fbpx
Pokémon Ultrasole e Ultraluna: Guida introduttiva per gli Allenatori Competitivi

Pokémon Ultrasole e Ultraluna

3DS
Acquista Ora
8.5

Imperdibile

5.6

ia Utenti

Pokémon Ultrasole e Ultraluna: Guida introduttiva per gli Allenatori Competitivi

Diventare un Allenatore è una questione seria

Pokémon Ultrasole e Ultraluna: Guida introduttiva per gli Allenatori Competitivi

Sono passati più di vent’anni da quando per essere un Campione nell’universo Pokémon era sufficiente mettere in piedi una squadra dove tutti fossero al livello 100 e avessero le mosse giuste. Niente più, niente meno. Chiunque abbia seguito l’evoluzione videoludica della serie ha però compreso da tempo che questa meccanica non è efficace come una volta: diventare un Allenatore è adesso una questione seria, che richiede allo stesso modo impegno e fatica. Ve lo potranno confermare i giocatori più hardcore, la chiave per il successo contro gli avversari non è più nell’allenamento, o meglio non solo. Ad affiancare le continue lotte per far salire di livello i nostri Pokémon di fiducia, ci sono l’allevamento selettivo, la pazienza nel cercare e mettere da parte gli oggetti giusti, una strategia adeguata e molto altro ancora. Questa guida, rivolta a chiunque abbia deciso di fare un upgrade della propria esperienza comprando Pokémon Ultrasole e Ultraluna, è pensata per fare chiarezza sui passi giusti da seguire, in modo tale che anche gli allenatori alle prime armi potranno vantare una squadra di tutto rispetto per le lotte competitive contro sfidanti da qualunque parte del mondo.

Questa pagina verrà aggiornata mano a mano che saranno postate nuove guide su come procedere nella formazione del nostro team da battaglia, ma la sfrutteremo anche per mettere in chiaro le basi in modo da ottenere un risultato perfetto: come abbiamo accennato poco sopra, ci sono diversi passi da compiere prima di potersi definire un Allenatore degno di tale nome e la cosa più importante da ricordare è che sono tutti assolutamente essenziali. In uno scenario competitivo, uno scontro può essere perso soltanto perché una determinata statistica era inferiore di un singolo punto rispetto al suo valore massimo. Se è a quel livello che puntate, allora siate pronti a rimboccarvi le maniche e spendere il giusto ammontare di ore con il vostro 3DS.

Per crescere una squadra che sia in grado di dare del filo di torcere sia affrontando l’Albero della Lotta sia la Battle Royale, o più in generale una qualsiasi battaglia online, tutti i vostri Pokémon dovranno avere Valori Individuali (IV, dall’inglese Individual Values) perfetti, Punti Allenamento (PA o EV, dall’inglese Effort Values) perfetti, Natura, Abilità e Mosse ottimali, e naturalmente portare con sé un oggetto. Sono molti aspetti da tenere in considerazione e bilanciare, motivo per cui li approfondiremo ciascuno a parte con un articolo dedicato. La decisione del tipo di squadra che vorrete mettere in campo dipenderà naturalmente dal vostro gusto personale ma questa serie di guide verrà strutturata apposta per arrivare a formare un team competitivo indipendentemente da quali saranno le vostre scelte sui Pokémon da utilizzare – siano essi sei Magikarp con Attacco Speciale massimizzato oppure uno schieramento da battaglia degno di questo nome.

Prima di soffermarci su una panoramica generale dei Valori Individuali e dei Punti Allenamento, vediamo quali sono i passi essenziali da compiere per ottenere la migliore squadra e che poi analizzeremo singolarmente:

  • Decidete la vostra strategia, da cui dipenderanno il tipo di team e la sua costruzione.
  • Fate accoppiare i Pokémon in modo da trasmettere le migliori Abilità, Natura, Mosse Uovo e Poké Ball.
  • Incrementate il valore dei Punti Allenamento di ogni Pokémon in base alla tipologia della squadra.
  • Sottoponete ciascuno dei vostri Pokémon all’Allenamento Pro quando avranno raggiunto il livello 100.

Natura

Poste queste premesse, presentiamo meglio gli aspetti elencati in precedenza e da tenere in considerazione una volta deciso di diventare Allenatori. La Natura è una meccanica introdotta nella terza generazione con Rubino, Zaffiro e Smeraldo, dunque se avete giocato uno qualsiasi di questi titoli o dei successivi sapete di cosa stiamo parlando. Per chi invece ha messo la prima volta le mani su un gioco Pokémon con Ultrasole e Ultraluna, la Natura è una caratteristica intrinseca di ciascun Pokémon che non può essere cambiata in alcun modo. Il suo effetto primario è lo stesso in tutti i giochi: influenza due valori delle statistiche, incrementandoli o riducendoli del 10%, a eccezione dei PS (Punti Salute) che non sono sensibili ad alcuna variazione. I valori interessati possono anche non appartenere a due caratteristiche diverse ma alla stessa, eventualità che porta come risultato un annullamento dovuto al contemporaneo aumento e diminuzione del valore in esame: questo porta il numero totale di Nature a venticinque, cinque delle quali non interferiranno in alcun modo con le statistiche. Ulteriori approfondimenti saranno affrontati in un articolo dettagliato a parte ma è opportuno sottolineare come questo aspetto del Pokémon non sia negoziabile: puntate subito a quello giusto per non sprecare tempo durante la fase di accoppiamento, scegliendo i genitori adatti a passare i geni!

Abilità

L’Abilità è una meccanica a sua volta introdotta nella terza generazione e i suoi effetti sono variabili: può aumentare le statistiche del Pokémon che la possiede in determinate condizioni, proteggerlo dalle alterazioni di stato, oppure potenziare le sue mosse o ancora causare una condizione metereologica. Ci sono persino Abilità che hanno degli effetti negativi sul Pokémon stesso o quello avversario. Ogni specie di Pokémon può averne fino a un massimo di tre da apprendere ma il singolo Pokémon ne possiederà una solanto. Di queste tre Abilità, una è nascosta e rappresenta un caso a sé introdotto con la quinta generazione, mentre le due rimanenti sono Abilità principali: se un Pokémon è in grado di ottenerle entrambe, ci sarà un’equa possibilità del 50% per ciascuna. L’Abilità può cambiare solamente con l’evoluzione, laddove possibile, e proprio come la Natura non è un aspetto sindacabile: in fase d’accoppiamento è d’obbligo avere le idee chiare sul risultato che si vuole ottenere quando si schiuderà l’uovo. Approfondiremo il tutto in un articolo dedicato.

Mosse

Le Mosse sono alla base del combattimento nei giochi Pokémon fin dalla prima generazione. Spesso si usano anche nell’ambito dell’esplorazione ambientale. Un Pokémon non può impararne più di quattro alla volta e in ogni caso, nella lista delle 609 totali, nessuno è in grado di apprenderle tutte. Agli 802 Pokémon registrati finora è affidato un moveset specifico secondo il tipo e la specie, in base alla quale il numero di mosse da imparare varia: si passa da una sola per Ditto e Unown fino a ben 139 per Mew. Si sono sempre divise in MT (Macchine Tecniche) e MN (Macchine Nascoste), queste ultime obbligatorie per completare il gioco fino alla quinta generazione, ma con l’uscita di Pokémon Sole e Luna le MN sono state eliminate e declassate a MT.

Valori Individuali

I Valori Individuali, come suggerisce il nome stesso, sono valori unici e fissi per ciascun Pokémon. Unici perché ogni Pokémon, sia esso selvatico o nato dall’uovo, possiede degli IVs diversi da quelli di qualunque altro, fossero anche della stessa specie, dello stesso livello e con la medesima natura. Fissi perché i valori rimangono identici per quel Pokémon dal momento in cui lo catturate o ne schiudete l’uovo fino a quando sarà arrivato a livello 100. Non si possono aumentare o diminuire in alcun modo fino ad allora, quando si passerà all’Allenamento Pro per incrementarli artificialmente. Ad ognuna delle sei statistiche corrisponde un Valore Individuale che può stabilirsi tra 0 e 31 e quanto più alto è l’IV, tanto più alto sarà l’aumento della statistica corrispondente, nel momento in cui si aumenterà di livello. I Valori Individuali sono invisibili ma pur sempre calcolabili, anche se la loro stima è molto complessa e alquanto approssimativa. Un metodo per visualizzarli “indirettamente” è consultare il Giudice IV all’esterno dell’Albero della Lotta, zona dell’isola di Poni accessibile dopo aver completato il gioco, ma questa e altre specifiche le lasciamo al prossimo articolo.

Punti Allenamento

I Punti Allenamento sono la parte fondamentale della crescita dei Pokémon ed è sulla loro distribuzione che si basa effettivamente l’allenamento, inteso proprio come mezzo per potenziare un Pokémon in determinate statistiche anziché in altre. Sono 510 i PA da distribuire in totale e per farlo bisogna semplicemente combattere contro precisi Pokémon avversari, poiché è sconfiggendoli che potremo accumulare Punti Allenamento. Per la precisione, i PA distribuiti da ogni Pokémon avversario non sono assegnati a caso, bensì dipendono dalla loro statistica più alta: ad esempio, Alakazam ne distribuisce tre in Attacco Speciale, Blissey due in PS, Linoone due in Velocità e via discorrendo. I Punti Allenamento possono essere distribuiti su tutte e sei le statistiche del Pokémon, a libera scelta, ma la cifra massima di PA accumulabili in una sola statistica è di 255, il che comporta una distribuzione equa in almeno due statistiche. Ci sono però aspetti più dettagliati che rendono la questione molto complessa e andremo a esaminare in seguito grazie a un articolo dedicato.

Questo conclude la panoramica sulle basi necessarie ad affrontare il difficile percorso per diventare un vero Allenatore. Se ancora non vi siete scoraggiati, continuate a seguire GameSoul per tutte le prossime guide!

Questa guida è stata scritta esclusivamente per GameSoul, è quindi vietata la riproduzione di tale guida o parti di essa senza il consenso dell’autore. ©2018 by GameSoul.it. All Rights Reserved. Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Italia. Game content and materials are trademarks and copyrights of their respective publisher and its licensors. All rights reserved.

Cresciuta negli anni ’90 con un Game Boy e un Nintendo 64, è poi diventata ancora bambina un’adepta Sony a tempo pieno, ma appena può si dedica anche ad altre console. Da Metal Gear ha imparato l’approccio stealth, che applica anche alla vita reale riducendo al minimo la sua socialità; quando non è impegnata a nascondersi in una scatola di cartone e pretendere di passare inosservata, però, chiacchiera volentieri di qualsiasi cosa. Videogiochi in testa, ovviamente. E quando non parla, scrive o gioca, legge principalmente romanzi gialli.

Lost Password