Fallout 4: Automatron (DLC) – Recensione

Fallout 4

PC PS4 Xbox One
8.5

IMPERDIBILE

9.5

Media Utente

Fallout 4: Automatron (DLC) – Recensione

Fallout 4: Automatron (DLC) – Recensione

Toy Story 4 (o quasi) 

Fallout 4 è arrivato sul mercato con prepotenza ma, come ogni titolo che si rispetti, non si è sottratto alle critiche oltre che alle lodi. Il titolo Bethesda ha convinto tantissimi giocatori, ma non è da sottovalutare quella fetta di pubblico che, pur ammettendo l’assoluto valore dell’esperienza, non grida al capolavoro ai quattro venti e vede nelle wasteland di nuova generazione un’occasione mancata, quasi sprecata.

Il sottoscritto fa parte di quest’ultimo gruppo, deluso più che dall’esperienza ludica in sé, da quelle che sono delle sfumature ruolistiche, completamente alleggerite o, come il sistema di gestione dei dialoghi, completamente rivisto (in negativo). Come accogliere quindi la proposta di Bethesda di offrire contenuti aggiuntivi, nel corso dei prossimi mesi? Bene, perché come ci insegna proprio questo Automatron, anche se conclusa, l’esperienza di Fallout 4 può ancora essere migliorata, espansa e in qualche modo corretta. Abbiamo esplorato nuovamente le wasteland di Boston per seguire le tracce del Meccanista, come sarà andata?

 Fallout 4: Automatron 

Piattaforma: PS4, Xbox One, PC

Genere: Action-RPG

Sviluppatore: Bethesda

Publisher: ZeniMax

Giocatori: 1

Online: Assente

Lingua: Completamente in italiano

Versione Testata: PS4

Come ci hanno spesso insegnato serie televisive e il cinema, la fine del mondo è spesso la miccia per far andare fuori di testa le persone, libere dalle catene della società e finalmente libere di applicare il proprio concetto di moralità al mondo, in modo spesso contorto e decisamente poco ortodosso. Il Meccanista non è altro che uno dei tanti figli di questo nuovo mondo, e non fa che disseminare il Commonwealth con i suoi bizzarri e letali robot. La missione? Fermarlo, molto semplicemente. Automatron propone infatti una breve quest line di 3 missioni, per una durata complessiva di circa 3 ore. Un contenuto piccolo insomma, antipasto della vera e propria espansione che arriverà nei prossimi mesi.

Un contenuto piccolo insomma, antipasto della vera e propria espansione che arriverà nei prossimi mesi

La lotta contro il Meccanista, nella terra del Commonwealth, non significa solo robot pazzi, ma anche una fazione nuova di zecca, che sfrutta i pezzi di ricambio per creare delle versioni modificate di questi spietati rottami intelligenti, oltre che per munirsi di nuovi ed efficaci pezzi di armatura. I Rust Evil vanno ad aggiungersi quindi al microcosmo di Boston, integrandosi nella narrazione e fornendo nuovi oggetti al giocatore. Al di là di alcuni dialoghi esilaranti e della presenza di Ada, un vero e proprio compagno, la storia legata al Meccanista appare come una banale, e solo simpatica quest con cui racimolare qualche nuovo pezzo di equipaggiamento.

Automatron riesce ad iniettare nuova linfa vitale a Fallout 4 proprio grazie alla micro gestione del proprio robot personale

Il motivo per cui Automatron fa la differenza, come contenuto scaricabile, è per la possibilità data da Bethesda didare vita al proprio robot personale (anche più di uno): i pezzi ricavati dai robot, insieme ai materiali, possono dare vita ad un nuovo e fedele rottame intelligente. Ada è la prima, ed è un’ottima base di partenza per sbizzarrirsi: testa, braccia, torso e gambe. Questi i pezzi modificabili, ognuno con caratteristiche e specialità variabili, tutte modificabili dal giocatore per dare vita al robot che più si avvicina al nostro stile di gioco.

Lo si può munire di arti speciali, muniti di tenaglie o lame se si preferisce un approccio corpo a corpo, o di laser e mitra per permettergli di colpire a distanza. Automatron riesce ad iniettare nuova linfa vitale a Fallout 4 proprio grazie alla micro gestione del proprio robot personale, una bella aggiunta che va ad affiancare un’attività secondaria come potrebbe essere la creazione degli avamposti.

In conclusione…

Fallout 4 Automatron non è il DLC che tutti aspettavamo, né quello di cui abbiamo disperatamente bisogno per tornare ad esplorare il Commonwealth, è semplicemente un antipasto di ciò che ci attende nei prossimi mesi.

Nonostante tutto, i 9.99€ richiesti da Bethesda sono più che giustificati, a fronte di una piacevole (ma breve) quest line e di un’importante aggiunta al gameplay, quella legata alla gestione ed alla creazione di un robot personale, che agisca e funzioni come un vero e proprio compagno di avventure. Se volevate un buon motivo per tornare su Fallout 4, questo potrebbe essere quello giusto. 

Voto: 7/10

Inizia la sua carriera videoludica con un Game Boy e una cartuccia di Wario Land. Da allora non ha più smesso, e continua a perdere decimi all'occhio destro giocando a The Legend of Zelda e a qualsiasi titolo stuzzichi il suo (finissimo, a detta di molti) palato da videogiocatore. Quando non gioca si dedica al perfezionamento della sua imitazione di Joe Bastianich, senza disdegnare la compagnia di un buon film.

Lost Password