I personaggi dei videogiochi più amati, secondo Pornhub

Quando "Che pippa!" non è riferito al secondo giocatore

I personaggi dei videogiochi più amati, secondo Pornhub

pornhubL’articolo che state per leggere fa riferimento ad infografiche ufficiali rilasciate da Pornhub, il noto colosso per l’intrattenimento per adulti che sicuramente nessuno di voi conosce e/o non ha mai visitato. Se anche voi, come chi vi scrive, siete persone particolarmente sensibili alle tematiche trattate da questo sconosciuto sito o, in più in generale, preferite trascorrere le vostre serate solitarie sorseggiando tisane e guardando in TV allegri documentari del National Geographic, l’editoriale che segue probabilmente non fa per voi. Per tutti gli altri, state tranquilli: non saremo certo noi a giudicare i vostri sogni erotici a tema Pikachu…


pornhubAnche quest’anno siamo alle solite… Puntuali come degli orologi svizzeri, i nostri simpatici amici di Pornhub (un nome che, a molti giocatori, dovrebbe suscitare istantaneamente un turbine di emozioni, piacevoli ricordi e interessanti idee su come occupare i prossimi quindici minuti liberi della giornata) hanno da poco rilasciato il consueto set di infrografiche in cui, con un dettaglio certosino, viene analizzato il traffico verso le affollatissime pagine del portale per adulti effettuato da un’oceanica utenza che, anno dopo anno, non sembra cedere alle lusinghe della noia. Un’analisi indubbiamente interessante, visto che da qualche anno coinvolge direttamente anche i possessori di console – che si sa, tra sparatorie, piattaforme diaboliche da superare e altre amenità del genere dovranno pur trovare un modo per rilassarsi … Rispetto alla consueta analisi del traffico per Console, che andremo ad analizzare a breve, quest’anno gli instancabili ragazzi del colosso dell’intrattenimento per adulti con molte occhiaie ha ben pensato di regalarci un inquietante dettaglio aggiuntivo: quali sono i personaggi dei videogiochi più apprezzati dall’utenza Pornhub. Il che, in un mercato dove spiccano bellezze del calibro di Lara Croft, di Aloy o delle gnocche da paura che ogni giorno spuntano su FPS competitivi, RPG o MMORPG non desterebbe particolare preoccupazione: ma facciamo che ne parliamo dopo con calma, che voi giocatori un paio di cose ce le dovete spiegare…

Partiamo con la tradizionale analisi del traffico suddiviso per console, che per l’ennesimo anno di fila vede PlayStation in posizione di comando con la maggioranza assoluta della torta. Un 56% roboante per il colosso nipponico, che ancora una volta conferma come il proprio fandom ami “sé stesso” grossomodo quanto ama le esclusive di lusso, i brand storici di casa Sony e PS VR. Già, PS VR: come se la realtà virtuale applicata all’industria del porno non avesse un fascino magnetico… All’aumento del 6% rispetto allo scorso anno di PlayStation fa eco un calo, per certi versi inatteso, del 7% di Microsoft, che con Xbox One e Xbox One S si porta a casa il 32% dell’amore domestico per persone solitarie: dall’analisi è esclusa per ovvi motivi la nuova Xbox One X, ma siamo ragionevolmente sicuri che il 4K nativo della console potrà regalare dettagli indimenticabili agli estimatori del genere nell’anno in corso. O almeno questa è la speranza più grande dei produttori di fazzoletti di carta…

pornhub

PS Vita e Wii U si spartiscono ciascuna un modesto 5% del totale del traffico, a testimonianza del fatto che ormai il touch è una moda passata anche nel porno. Se assistiamo ad una leggera inflessione per l’handheld (lo sappiamo, quando c’è Pornhub nell’aria il termine “handheld” fa sempre sorridere) di casa Sony, a testimonianza della fedeltà della propria utenza – del resto, come dire di no alle sane abitudini del tardo pomeriggio? – decisamente più inatteso è il crollo della console casalinga di Mamma N, che crolla di 83 punti percentuali con Wii. Un 1% del totale condiviso con l’altra handheld di casa Nintendo, 3DS, che si accontenta delle briciole ma segna un aumento del 110% del traffico effettuato rispetto all’annata 2016: del resto si sa, le dimensioni (dello schermo) non contano, quando si sa usar bene il proprio hardware... Come avrete notato, all’appello manca Switch, l’unica console attualmente priva di un vero e proprio browser per navigare – il che è un peccato, immaginate le potenzialità del Rumble dei Joycon unite ai video normalmente disponibili sulle pagine di Pornhub: ma di sicuro, nel corso del 2018, qualche buon samaritano troverà una soluzione per sovvertire questa classifica…

Tira davvero più un pelo di Pika che un carro di buoi?

pornhubMa veniamo ora alla classifica interessante, quella dei personaggi dei videogiochi più cercati nel motore di ricerca di Pornhub. Al netto della presenza (scontata dai, almeno una volta l’avete cercata tutti) di Lara Croftche, almeno per chi vi scrive, avrebbe comunque meritato ben più di un insipido quinto posto dopo tutti i gemiti gridati negli ultimi due episodi, i giocatori più attempati saranno sicuramente lieti di vedere in classifica la coppia composta da Mileena (+997% dallo scorso anno, ragazzi, sono queste le cose che fanno commuovere noi vecchietti con gli ormoni oramai in ferie) e Kitana, le due super gnocche di Mortal Kombat passate alla storia per aver il completino da combattimento più striminzito di sempre. Applausi anche per Zelda, che segue la “rinata” protagonista di Tomb Raider a breve passo dimostrando il fatto che, quando si parla di porno, tutti sanno che “Zelda” non è quella vestita di verde che monta a cavallo – anche se, in questo specifico contesto, il verbo “montare” potrebbe essere equivoco….

Il resto della classifica testimonia a gran voce l’assoluto strapotere di Overwatch, che dopo aver guadagnato l’intero podio 2017 verrà a breve ribattezzato lo “Gnoccodromo di casa Blizzard“, e del franchise dei Pokémon, le cui sexy allenatrici sembrano essere immuni al passare degli anni e anzi, stagione dopo stagione sembrano equipaggiate con sfere Poké sempre più apprezzate dall’utenza maschile. Nulla di cui sconcertarsi, insomma, non fosse per quell’ultimo nome che, con un equivoco +69%, chiude questa emozionante classifica dedicata ai giocatori dalle occhiaie che non devono chiedere mai… Sì, avete letto bene, Pikachu.

pornhub

Lungi da chi vi scrive criticare i gusti sessuali altrui, ma in tutta onestà non so voi, ma un porno con Pikachu io non me lo sparerei nemmeno sotto droghe pesanti. Già anche solo immaginare come possa gemere una creatura il cui unico suono prodotto è “Pika Pika” è qualcosa che mi leva il sonno… ma… insomma… cosa dovremmo aspettarci da un Pokémon elettrico in una delle mirabolanti situazioni attese dall’utenza affezionata di Pornhub? Tira davvero più un pelo di Pika che un carro di buoi? Con questo dubbio che mi martella il cranio vi lascio, che ho improvvisamente deciso di colmare una mia enorme carenza videoludica e sento la necessità impellente di avvicinarmi ad Overwatch per la prima volta. E no, non ho nemmeno il gioco: ma, da quanto ho capito, per divertirmi come si deve non mi dovrebbe servire…


 

Bello, simpatico, intelligente e super esperto di videogiochi, ha sviluppato un’incredibile capacità nello scrivere cazzate.. Gioca ai giochini elettronici dall’86 e ci scrive a riguardo dal 2006 o giù di lì.. Ma non fateglielo notare, che poi si monta la testa..

Lost Password