The Division – Ubisoft promette di punire i cheaters del raid

Tom Clancy’s The Division

PC PS4 Xbox One
Acquista Ora
9

SUPERBO

8.6

Media Utente

The Division – Ubisoft promette di punire i cheaters del raid

The Division – Ubisoft promette di punire i cheaters del raid

Avete sfruttato il glitch di The Division?

[adinserter block=”1″]

Dal momento dell’uscita del nuovo update per The Division, che ha portato nel gioco la prima Incursione, i giocatori si sono adoperati per terminare questa attività e raggiungere così il prezioso loot. Peccato che tra di loro ci siano anche persone che approfittano di eventuali falle nel sistema per saltare le sezioni lunghe e difficili, garantendosi un flusso di equipaggiamento altrimenti impossibile da recuperare in poco tempo.

Un po’ come per Destiny e la sua Volta di Vetro, inizialmente in grado di essere superata grazie ad un paio di granate, anche in The Division è dunque possibile usare un cheat per rendere il tutto più immediato: tuttavia, ai tempi di Atheon, il primo vero boss di Destiny, il loot consegnato non dava poteri sovrannaturali in PvP, mentre l’equipaggiamento di The Division è estremamente importante nella Zona Nera, dove ora molti onesti giocatori si ritrovano continuamente demoliti da coloro che hanno sfruttato il glitch dell’incursione.

the-division-ottimi-risultati-gamesoul

Per questo Ubisoft ha deciso di muoversi, pur sempre in grande ritardo. Il fix sta per arrivare sotto forma di aggiornamento, ma tira anche aria di guerra nel team degli sviluppatori, pronti a creare un algoritmo che scovi i giocatori disonesti: non si sa ancora bene su cosa agisca un tale sistema, se sulla frequenza del loot acquisito o sull’evoluzione dell’equipaggiamento nell’inventario.

Nonostante il buon intento di Ubisoft, che ha deliberatamente bollato le azioni dei cheaters come “ovviamente contro il nostro Codice di Condotta”, il processo non sarà semplice né immediato. Ci sono del resto persone che hanno sfruttato il glitch in modo consapevole e compulsivo, ma ci sono anche coloro che sono stati costretti ad usarlo dalle persone interne al gruppo, pur malvolentieri. Distinguere tra le due tipologie è già difficile per la mente umana, quindi Ubisoft dovrà lavorarci parecchio.


Fonte

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]
Sta cercando da tempo di trasformare le sue passioni in un vero lavoro. A parte i videogiochi, ciò che sogna è essere regista/sceneggiatore di un film, visto l'amore per fotografia e video-editing. Nel frattempo fa vedere quanto è scarso su Twitch (http://www.twitch.tv/ch_marcellomark).

Lost Password