Prince of Persia: The Dagger of Time è la nuova escape room VR di Ubisoft

Aiutate Kaileena a sconfiggere le forze del male grazie al potere del Pugnale del Tempo

Prince of Persia: The Dagger of Time è la nuova escape room VR di Ubisoft

A seguito dell’annuncio di Warlords of New York, l’espansione di The Division 2 che dà ufficialmente il via all’Anno Due del gioco, Ubisoft estrae l’ennesimo coniglio dal cilindro: Prince of Persia. Per chiunque stesse già festeggiando il suo ritorno su attuale o nuova generazione, è stata un po’ una doccia fredda. La nuova avventura, Prince of Persia: The Dagger of Time, non è un remake dell’originale su PlayStation 2 bensì una escape room VR che segue le orme del successo delle precedenti due. Dopo Beyond Medusa’s Gate ed Escape the Lost Pyramid, Ubisoft rafforza ulteriormente la sua posizione nel mercato della location-based VR.

Ambientato nel corso della famosa trilogia per PS2, Prince of Persia: The Dagger of Time trasporterà i giocatori nella fortezza di Kaileena, dove sono stati evocati per aiutarla a sconfiggere le forze del male grazie all’utilizzo del Pugnale del Tempo. Per riuscire a fuggire dalla fortezza, i giocatori dovranno affidarsi al lavoro di squadra e alle proprie abilità nel risolvere i problemi, così da completare gli obiettivi insieme, manipolando il tempo proprio grazie al pugnale.

Sviluppato da Ubisoft Düsseldorf, Prince of Persia: The Dagger of Time è un’esperienza adatta a ogni età. Due, tre o quattro giocatori devono formare una squadra e collaborare per risolvere alcuni enigmi e trovare un modo per uscire da una reimmaginata Fortezza del Tempo. “Dopo solo due anni, attualmente stiamo collaborando con più di 300 location in tutto il mondo”, ha dichiarato Benedikt Grindel, direttore generale degli studi tedeschi di Ubisoft. “Ciò che è iniziato come un prototipo è diventata una delle maggiori reti di distribuzione nel mercato dell’intrattenimento location-based, il che ci rende davvero molto orgogliosi”.

Per ulteriori informazioni riguardo alle escape room e soprattutto dove trovarle, vi rimandiamo al sito ufficiale.


Cresciuta negli anni ’90 con un Game Boy e un Nintendo 64, è poi diventata ancora bambina un’adepta Sony a tempo pieno, ma appena può si dedica anche ad altre console. Da Metal Gear ha imparato l’approccio stealth, che applica anche alla vita reale riducendo al minimo la sua socialità; quando non è impegnata a nascondersi in una scatola di cartone e pretendere di passare inosservata, però, chiacchiera volentieri di qualsiasi cosa. Videogiochi in testa, ovviamente. E quando non parla, scrive o gioca, legge principalmente romanzi gialli.

Lost Password