GRID – 5 motivi per cui vale la pena acquistarlo

Si torna in griglia di partenza

GRID – 5 motivi per cui vale la pena acquistarlo

Dopo la recente acquisizione di Slightly Mad Studios, la corsa di Codemasters verso la gloria dei racing games è ancora veloce. Non sappiamo ancora cosa nascerà di preciso da questa unione, ma possiamo stare certi che vedremo altri titoli come GRID in futuro, magari migliorati dalla sapienza degli sviluppatori di Project CARS.

GRID è infatti la sorpresa che non ci si aspettava fino a qualche mese fa, forte di una quasi totale assenza di competitors sul mercato che andassero a intercettare proprio quel tipo di giocatori. Codemasters ha invece deciso di dare un nuovo inizio a una delle serie più conosciute dello studio, senza volersi avvicinare troppo al realismo.

Il risultato è un gioco divertente è usufruibile da tutti, anche chi vuole semplicemente fare a sportellate. Per questo è nel Calendario dell’Avvento di GameStopZing e ora si può ottenere ancora più facilmente, ma prima vi diamo 5 motivi per prendere tra le mani il volante!

1 Semplicemente per tutti

GRID non è arcade e non è simulativo. A prescindere dagli aiuti alla guida, si colloca infatti in quella terra di mezzo dove anche i giocatori meno esperti possono trovare un po’ di sano divertimento. Per vincere le gare si può infatti seguire il galateo e dominare la corsa, oppure approfittare della fisica per farsi strada a sportellate.

In ogni caso, il modello di guida è talmente facile da apprendere che bastano pochi minuti per riuscire a divertirsi.

2 Diverse auto per diversi gusti

Un po’ in salsa Project Gotham Racing, anche GRID offre la possibilità di sfrecciare per i circuiti cittadini con veicoli che raramente si sarebbero visti altrimenti. Spunta infatti la Formula 1 di Fernando Alonso, presente anche come pilota avversario per rendere più pepate le gare.

Non è possibile incrociare le varie categorie delle vetture, ma il divertimento è sempre di casa: basta scegliere il tracciato giusto oppure quello dannatamente sbagliato per trarre comunque il meglio dal gioco.

3 La IA non dimentica

Nonostante sia possibile fare a sportellate, a volte è il caso di contenersi, a meno che non si voglia trasformare una corsa in un destruction derby. Gli avversari possono infatti diventare le nostre nemesi se si sentono attaccati illegalmente.

Il risultato è dunque una caccia all’uomo in entrambe le direzioni, fino a che uno dei due non ha la meglio e l’altro si ritrova tra le gomme e il guardrail.

4Provate a finire tutti gli eventi

Con più di 100 eventi nella sua modalità carriera, GRID è sicuramente un gioco che sfrutta bene la sua varietà di veicoli e di gare. Nonostante la lunghezza di ognuno non sia poi così esaltante, le sfide intraprese sono sempre al cardiopalma.

Oltretutto è possibile completare questi eventi nell’ordine che si preferisce, ancora una volta un punto a favore dell’immediatezza di GRID.

5 Circuiti da tutto il mondo

GRID, nonostante la sua anima non votata al realismo, propone anche alcuni circuiti realmente esistenti e vicini alle competizioni più comuni. Ci sono infatti Silverstone, Sepang e Indianapolis ad avere il profumo della Formula 1, senza dimenticare Brands Hatch.

La parte notturna e cittadina del gioco permette di sfrecciare in vie immaginarie di San Francisco, con salti che fanno tutto fuorché del bene agli ammortizzatori. Per il divertimento, però, questo e altro.



Sta cercando da tempo di trasformare le sue passioni in un vero lavoro. A parte i videogiochi, ciò che sogna è essere regista/sceneggiatore di un film, visto l'amore per fotografia e video-editing. Nel frattempo fa vedere quanto è scarso su Twitch (http://www.twitch.tv/ch_marcellomark).

Lost Password