Urban Trial Playground – Recensione

Scavezzacollo a due ruote

Urban Trial Playground – Recensione
Urban Trial Playground Recensione
Data di Uscita:Genere:, PEGI:Sviluppatore:Editore:Versione Testata:

Quante volte avrete pensato, soprattutto in quelle giornate uggiose in cui siete costretti vostro malgrado a stare chiusi in casa, ad una bellissima spiaggia della California, dove magari passare un’intera giornata a prendere la tintarella, oppure a divertirvi? A venire incontro ai videogiocatori ci hanno pensato Tate Multimedia e Teyon, che offrono un biglietto di sola andata per l’America in groppa ad una moto con Urban Trial Playground in esclusiva per Nintendo Switch.

La saga di Urban Trial, e lo diciamo soprattutto a coloro che non hanno mai avuto modo di avvicinarsi a questo brand, è caratterizzata dalla sua forte natura arcade in sella alle amate due ruote, basata principalmente sulla disciplina del trial. Se non masticate molto il mondo delle moto sappiate che è l’unico sport motoristico in cui la velocità non rappresenta il parametro più importante. Attenzione, questo non vuol dire che non sia fondamentale la velocità, ma semplicemente, come potrete scoprire direttamente in gioco, l’abilità del pilota conta molto di più della stessa bontà del mezzo.

Urban Trial Playground in sostanza può essere considerato il sequel del racing game Urban Trial Freestyle, che ha fatto molto bene sulla precedente generazione di console, spostando le gare di stunt bike dalla frenesia della città direttamente in scenari esotici e rilassanti. Velocità, equilibrio e stile… preparate le moto che enormi salti vi attendono.

Urban Trial Playground

Che Salto!

Il nostro primo contatto con la saga risale a qualche anno fa, quando da ignari giocatori abbiamo messo le mani sul suo predecessore e, non lo nascondiamo, con un pizzico di titubanza. La prima cosa che ci è saltata all’occhio è la sua freschezza, la sua formula mordi e fuggi che riteniamo perfetta per la dimensione portatile. Urban Trial Playground è un titolo perfetto per l’ammiraglia Nintendo, proprio per la sua natura arcade e la semplicità (almeno apparentemente) dei comandi.

Quello che dovrete fare in soldoni è molto semplice: scegliere il vostro pilota, tra una bellissima ragazza e un giovane adone, e iniziare il lungo percorso per dimostrare di essere i più cool di tutta la West Coast. Specifichiamo subito una cosa: non vi troverete dinnanzi ad un vero e proprio racing game, quindi non preoccupatevi se l’ultima volta che siete saliti a bordo di un veicolo a due ruote risale all’adolescenza, perché in Urban Trial Playground non occorre essere degli esperti centauri bensì occorre tanta precisione nell’eseguire le acrobazie più bizzarre.

Avete scelto la moto? Ora non vi resta che completare tutti i 54 livelli ricchi di rampe, travi, tetti di palazzi e qualsiasi altro elemento dell’ambientazione vi consenta di eseguire combinazioni acrobatiche talmente spettacolari da lasciar di sasso chiunque vi osservi. Detta così può sembrare facile, ma per realizzare salti mozzafiato e backflip occorre precisione millimetrica, perché non sarà difficile trovarvi spiaccicati sul pavimento. Ogni acrobazia vi fa totalizzare dei punti, che possono subire un’impennata verso l’alto nel caso in cui si riescano a combinare più movimenti funambolici (ad esempio un salto lungo unito ad un’impennata) o farvi fare un tonfo verso il basso nel caso di incidenti colossali. Il punteggio è molto importante al fine di accumulare le 5 stelle utili per sbloccare nuovi livelli, considerate che ogni caduta vi fa scendere vertiginosamente in classifica quindi il vostro obiettivo è quello di fare una corsa più perfetta possibile.

Urban Trial Playground è un titolo che funziona alla grande su Nintendo Switch!

Ma non è solo questo: ogni esibizione presenta anche tre obiettivi secondari come il completare un livello senza schianti oppure ottenere un certo punteggio con una singola acrobazia. Riuscire a soddisfare questi requisiti vi ricompensa generosamente con dei crediti di gioco, che vi permettono di acquistare nuove moto, accessori per il vostro personaggio (solo estetici), nuove ruote, freni e livree. Ma state molto attenti, non è detto che l’acquisto di upgrade che rendono la vostra moto molto potente sia sempre la scelta più consona: alcune gare richiederanno alcune caratteristiche specifiche, quindi fate sempre attenzione prima di iniziare un livello. Anche in Urban Trial Playground tornano le amatissime chips da poker, posizionate nei punti più “estremi” dello scenario e che potrebbero letteralmente farvi impazzire per collezionarle tutte e 150.

In alcuni percorsi non è richiesta necessariamente l’esecuzione delle varie acrobazie, ma semplicemente di completare la gara in un tempo prestabilito. Qui sta al giocatore stesso capire come accelerare nel migliore dei modi (è indubbio che un’impennata permette di correre molto più veloce) e capire se è il caso o meno di effettuare un salto lungo. Per ottenere il massimo punteggio dovrete essere molto abili, e potrete tentare più di una volta, confrontandovi con il vostro “fantasma”, battendolo e stabilendo un nuovo record.

Urban Trial Playground

Ti sono dietro, dove pensi di andare?

Dal punto di vista tecnico nulla da dire, i capisaldi di freestyle ci sono tutti, e la sua natura così arcade permette anche ai videogiocatori meno incalliti di entrare velocemente nelle meccaniche di gioco. La cosa che rende questa produzione in un certo senso unica è basata proprio sulla sfida contro sé stessi: il titolo è così gratificante che non riesce a generare troppa frustrazione nel tentativo di provare a superare i propri limiti e si sposa perfettamente con le caratteristiche di Nintendo Switch. Il suo punto di forza è proprio nella modalità portatile, adatta per tutte quelle occasioni di attesa o mentre ci si trova in treno o autobus. Ma se proprio sentiste la necessita di giocare in multigiocatore, Urban Trial Playground, ne introduce una studiata ad hoc per due giocatori.

Come fare? Ogni giocatore impugna il suo Joy-Con e lo schermo si divide in due parti: vince chi raggiunge per primo il traguardo nei vari percorsi, dilettandosi tra i più bei salti mortali in moto. Bisogna specificare che questa sfida testa a testa presenta qualche volta dei rallentamenti, rendendo il gioco non proprio fluido in qualche frangente, ma poco importa poiché la sua essenza non si basa principalmente su questo.

Le varie location sono molto ispirate: potrete passare tra spiagge da sogno, sfrecciare in autostrada, correre in una villa costituita da piscine (senza ricconi a mollo), o percorrere splenditi resort estivi. Nei vari livelli però tenderanno a ripetersi, offrendo comunque obiettivi sempre diversi. Certo, la resa grafica non è delle migliori, le texture non sono poi così pulite e questo fattore lo noterete ad occhio nudo. A lungo andare alcuni giocatori potrebbero accusare un senso di scoraggiamento e di ripetitività, per questo lo riteniamo adatto più per quei ritagli di tempo che non per lunghe sessioni (anche se abbiamo fatto molte ore senza accorgercene), anche se all’atto pratico il gameplay funziona, è fresco e permette di essere goduto praticamente da chiunque.

Conclusioni

Urban Trial Playground è un titolo che funziona alla grande su Nintendo Switch, che ripropone una formula sempre vincente e perfetta per le caratteristiche peculiari della console. Il titolo è stato pensato per offrire innumerevoli ore di azione e adrenalina, e non necessariamente ai fanatici del freestyle. Combinare trick in acrobazie uniche è molto gratificante e anche battere i propri record risulta appagante, ma non mancano momenti caratterizzati da ripetitività e frustrazione (soprattutto quando non si riesce a completare un certo obiettivo).

Un gioco arcade che miscela le caratteristiche della disciplina del trial, ma con una formula completamente fuori dagli schemi: accelerazione, salti, backflip e tanta rigiocabilità. Gli amanti di Urban Trial Freestyle ritroveranno sicuramente un “fedele amico”, mentre tutti gli altri potrebbero scoprire qualcosa di stravagante e divertente.

Good

  • Una formula sempre vincente
  • Ideale per Nintendo Switch
  • Fuori dagli schemi e semplicemente stravagante

Bad

  • Qualche piccolo rallentamento nella modalità a due giocatori
  • A tratti frustrante e piccole imperfezioni grafiche
7.5

Niente male

Da quando ha viaggiato nel tempo a bordo della Time Machine DeLorean DMC-12 la sua vita è cambiata radicalmente. Amante dei viaggi del tempo, predilige le console dai tempi del NES. Inguaribile Nerd e divoratore di serie TV.

Lost Password