Batman: The Telltale Series – Ep. 4 “Guardian of Gotham” – Recensione

Acquista Ora

Guardiano di nessuno

Batman The Telltale Series
Batman: The Telltale Series – Ep. 4 “Guardian of Gotham” – Recensione

La nuova serie di Telltale Games prende in mano la storia di Batman: un'altra avventura grafica che segue le gesta dell'eroe più umano dei fumetti, dotato unicamente delle sue abilità e di un patrimonio economico non indifferente.

Data di Uscita:Genere:PEGI:Sviluppatore:Editore:Versione Testata:

Il videogioco seriale è una roba tosta, sicuramente per pochi: Telltale è stata una delle prime software house a credere in questa forma di fruizione del videogioco, e nei suoi ormai diversi anni di lavoro, ha permesso ai suoi autori di perfezionare questa formula, arrivando fino ad oggi, con tante serie all’attivo e una gestione dei tempi di rilascio degli episodi sempre più frequente e cadenzata, a differenza del passato.

Un approccio estremamente industriale, che è stato forse richiesto per affrontare una mole di progetti più vasta e per non lasciare gli appassionati a bocca asciutta per troppo tempo. C’è anche chi preferisce il binge watching dopotutto, e nell’era di Netflix anche i videogiochi devono (?) piegarsi a determinati tipi di approcci.

telltale-batman-episode-4-1-1280x600

Nello scorso episodio, sicuramente uno dei più riusciti, avevamo lasciato Bruce alle prese con tanti, troppi problemi: Harvey Dent ha completamente perso il senno, diventando il due facce che tutti conosciamo; Cobblepot ha fatto la sua mossa, spogliando Bruce della sua azienda e della sua credibilità e, per finire in bellezza, Lady Arkham ha scoperto le sue carte, tendendo un’imboscata al nostro miliardario preferito per indurlo ad un raptus di violenza davanti a fin troppe persone. Sipario.

L’episodio 4 “Guardian of Gotham” ci porta per la prima volta nell’Arkham Asylum, ma in vesti differenti

L’episodio 4 “Guardian of Gotham” ci porta per la prima volta nell’Arkham Asylum, ma in vesti differenti: non c’è nessun Batman ma solo Bruce, accusato di essere mentalmente instabile e costretto in una cella nel luogo più pericoloso di tutta Gotham. Uscire è imperativo, Gotham è in subbuglio e Batman non può intervenire: gli autori di Telltale evocano nel giocatore una certa sensazione di impotenza e urgenza, ma allo stesso tempo lasciano che il tutto si risolva in modo piuttosto banale e scontato. A fare la differenza in questo frangente è la presenza di un personaggio specifico, un certo John Doe con i capelli verdognoli ed una risata piuttosto contagiosa. La sua importanza è tutto fuorché relativa, e una scelta che saremo portati a prendere ci suggerisce che, forse, la sua storia avrà seguito in futuro.

Children of Arkham è un episodio di transizione, e forse questa serie ne ha avuti un po’ troppi, perché questo è sicuramente il più debole: tutto si risolve in fretta e furia, l’impotenza di Bruce e Batman contro i figli di Arkham svanisce in parte con uno schiocco di dita e la “scelta” cruciale che ci viene proposta in questo episodio è così ridicola da sembrare quasi fuori parodistica, lasciando il giocatore probabilmente stordito davanti a una perdita di tempo così anticlimatica e stupida. Il resto è presente in forma “mordi e fuggi”, con investigazioni lampo e combattimenti (coi QTE) così veloci da far rimpiangere la ridondante epicità dei combattimenti di Zack Snyder.

Conclusioni

Questo 4° episodio della serie Telltale dedicata a Batman è un mezzo disastro, sfiora l’inutilità ed è reso piacevole da alcuni sprazzi e momenti e da qualche dialogo ben scritto, ma si perde nella sua essenza di episodio di transizione verso il finale, che ci auguriamo essere soddisfacente per tutta la sua durata.

Il problema di Telltale è che i videogiochi non possono essere completamente piegati dalla loro natura episodica, e questo approccio industriale, da catena di montaggio che spinge l’uscita quasi mensile degli episodi è, probabilmente, fin troppo ambiziosa per permettere ad una buona storia di essere sviluppata con criterio e qualità per tutta la sua durata. Insomma: bene, ma non benissimo.

Good

  • La parentesi nell'Arkham Asylum
  • Alcuni frangenti sono interessanti

Bad

  • La "scelta" dell'episodio è imbarazzante
  • Dura poco
  • I soliti problemi tecnici
7

Niente male

Inizia la sua carriera videoludica con un Game Boy e una cartuccia di Wario Land. Da allora non ha più smesso, e continua a perdere decimi all’occhio destro giocando a The Legend of Zelda e a qualsiasi titolo stuzzichi il suo (finissimo, a detta di molti) palato da videogiocatore. Quando non gioca si dedica al perfezionamento della sua imitazione di Joe Bastianich, senza disdegnare la compagnia di un buon film.

Lost Password