fbpx
Sekiro: Shadows Die Twice – I 10 Consigli d’oro | Guida

Sekiro: Shadows Die Twice

PC PS4 Xbox One
Acquista Ora
8.5

Imperdibile

10

ia Utenti

Sekiro: Shadows Die Twice – I 10 Consigli d’oro | Guida

Era meglio Dark Souls?

Sekiro: Shadows Die Twice – I 10 Consigli d’oro | Guida

Sekiro: Shadows Die Twice è bello tosto, come se From Software avesse deciso di affilare le spade e di trafiggervi mentre giocate. Ok, forse quest’immagine è un po’ eccessiva, però l’ultimo titolo del team di Hidetaka Miyazaki non è per niente facile. Bisogna imparare le sue regole, disimparare le nostre precedenti avventure a base di non morti e belve sanguinolente, ma è un viaggio davvero da brividi come vi ho raccontato nella recensione.

Ecco perché è importante rimboccarsi le maniche e procedere per le terre di Ashina con cognizione di causa, magari usando uno dei nostri 10 consigli d’oro, stilati comodamente qui per voi! Si tratta di elementi importantissimi da tenere a mente per tutta la durata del gioco, oltre che per le “prime” ore.

1 Tenete sani i personaggi secondari!

I personaggi non giocanti di Sekiro: Shadows Die Twice sono piuttosto utili, ognuno di essi ha una storia e un ruolo ben preciso all’interno del mondo: alcuni ci daranno quest secondarie (come ad esempio, quella dei ratti di Tengu), altri invece più semplicemente informazioni. Riferimenti a luoghi da esplorare, ma anche suggerimenti sui boss che affronterete lungo il cammino.

Ascoltare attentamente i loro dialoghi è importantissimo, non lasciateveli sfuggire! Piuttosto, assicuratevi che non siano afflitti dal Mal del Drago. Questa spiacevole maledizione vi impedirà di proseguire nelle quest o limiterà i dialoghi disponibili. Tenetelo a mente, e provvedete a curarla per poter proseguire nelle loro avventure (e ripristinare il vostro Aiuto Divino). Non sapete come fare, scopritelo nella nostra guida dedicata!

2 Bisogna sapere quando fuggire

Sapete già che in Sekiro: Shadows Die Twice morirete e anche parecchio. Gli idoli dello scultore sparsi per le ambientazioni sono punti di ristoro e salvezza strategici, ma riposare al loro cospetto significa riportare in vita i nemici. Il potere della risurrezione può però darvi una seconda chance anche per la fuga: se vi trovate in una situazione pericolosa, magari accerchiati da più nemici, sfruttate la vostra sconfitta per ritornare sul luogo del misfatto con più consapevolezza e secondo i vostri termini.

Scappate e conservate i vostri preziosi e sudati Sen, insieme alla vostra esperienza. Per i Mini-boss il discorso è analogo, avrete spesso la chance di togliere una delle due barre vita con un colpo stealth fatale, ma a volte dovrete vedervela con nemici minori nelle vicinanze. Studiate l’ambiente e se la necessità ve lo suggerisce ritornare in seguito riposando vicino ad un idolo.

3 Borsello quanto sei bello

Nonostante Sen e punti esperienza siano due entità separate in Sekiro: Shadows Die Twice, la morte porta in qualche modo alla perdita di entrambi. Nello specifico della metà della somma accumulata, per cui il rischio è dietro l’angolo in ogni momento. Per arginare questo problema, la maggior parte dei mercanti presenti in-game vi darà la possibilità di acquistare “Borselli” di diverse taglie (leggeri o pesanti, ad esempio) con una piccola maggiorazione sul prezzo.

Vi chiederete: a cosa servono? A conservare i vostri soldi nell’inventario, l’unico posto sicuro in caso di morte. In questo modo infatti, non perderete i Sen accumulati e vi basterà utilizzare i borselli nell’inventario per riottenere la somma e spenderla. Un vero e proprio consiglio d’oro, da tenere a mente prima dei boss o in situazioni particolarmente ostiche.

4 Tornate spesso al Tempio in rovina

Il Tempio in rovina è un luogo importante per il dipanarsi degli eventi della narrazione e dei suoi personaggi. Lo scultore risiede qui, e potrà potenziare le vostre armi prostetiche o sbloccarne di nuove. Nelle prime ore di gioco è quanto mai importantissimo ritornare spesso in questo luogo, per trovare nuovi dialoghi e interazioni utili al dipanarsi di certi eventi (secondari e non).

In quanto “hub”, è anche il luogo che alcuni personaggi sceglieranno per farvi visita, come un simpatico mercante che dovrete salvare nelle vicinanze dell’idolo “Castello di Ashina” (alla destra della lunga scalinata). Tornateci anche per allenarvi con Hanbei, che avrà un nuovo tutorial ogni volta che sbloccherete una tecnica specifica.

5 Imparare a leggere gli Attacchi pericolosi

Imparerete ad “apprezzare” gli attacchi pericolosi fin dalle prime ore di gioco, e ne avrete per tutto il resto dell’avventura. Si tratta di attacchi devastanti dei nemici, annunciati con un Kanji rosso che apparirà su schermo. Ne esistono di tre tipi: affondi, spazzate e prese. Queste ultime sono le peggiori, perché non c’è un reale modo per contrattaccare, dovrete semplicemente essere bravi a non farvi prendere.

Lo stesso vale per le spazzate, che però possono essere sfruttate per infliggere gravi danni postura al nemico: saltate due volte con il giusto tempismo e pesterete la brutta faccia del vostro nemico con una bella piedata.

Più complesso, ma soddisfacente, è imparare ad incassare gli affondi di spada o di lancia: si tratta di attacchi spesso molto veloci, che possono essere contrattaccati sbloccando l’abilità Contromossa Mikiri. Riuscire a rispondere con il giusto tempismo è questione di pratica e memoria muscolare, ma è assolutamente cruciale impegnarsi nel farlo fin da subito per avere la meglio su molti scontri futuri.

6 Occhio alla Postura

La postura è un po’ come la stamina, anche se funziona diversamente è un elemento da tenere sempre sotto il proprio sguardo vigile. Deviare gli attacchi non è cosa facile e a volte non ci riuscirete perfettamente, questo mano a mano romperà la vostra postura esponendovi a rischi maggiori.

La cosa importante da tenere a mente è che la postura diminuisce più velocemente in due situazioni: se la postura è alta (e quindi la barra è piena e siete a rischio), restate in posizione anche se il nemico ha smesso di attaccarvi; se la vostra salute è bassa, la postura si ripristinerà più lentamente. Più alta la vostra salute, più velocemente recupererete postura. Facile, no?

7 “Mamma non posso mettere pausa!”

Potete, invece. Se i vari souls ci hanno abituato piuttosto male, con il menù di pausa che negli anni è diventato un lontano ricordo appartenente al passato, Sekiro: Shadows Die Twice cambia le carte in tavola. Mettere pausa diventa quindi un atto necessario: per prendere una pausa (letterale) dagli scontri al cardiopalma a cui verrete sottoposti, o anche per riadattare le strategie al volo contro un particolare nemico. Potete addirittura utilizzare gli oggetti consumabili nell’inventario, per i più disperati.

8 Semi di zucca

I Semi di zucca possono essere consegnati ad Emma nel Tempio in rovina. Potenziano l’uso delle fiaschette curative, aumentandone il numero e permettendovi più errori. Ogni volta che troverete un seme di zucca, andate subito a consegnarlo. Può capitare di lasciarsi andare all’esplorazione e dimenticare di averli, ma è importantissimo per la vostra sopravvivenza. Se non sapete dove trovarli o pensate di averne perso qualcuno per la via, utilizzate la nostra guida dedicata!

9 Prima lo stealth, poi il resto

Uno degli approcci sbagliati verso Sekiro: Shadows Die Twice è quello di lanciarsi con l’arma spianata all’attacco. Siete shinobi, non samurai. Come tali, farvi strada in modo silenzioso è la scelta più intelligente e produttiva per restare in vita.

Eliminare i nemici minori silenziosamente, oltre a farvi rispariamo energie e tempo (li ucciderete instantaneamente con il colpo fatale) vi permetterà di muovervi per le ambientazioni con una calma non indifferente. Se avete allertato qualcuno poi, potete sempre far perdere traccia di voi e ritornare all’attacco in silenzio. Così non sbaglierete.

10 Perseverate

Questa regola è assolutamente cruciale per ogni Souls che si rispetti, e in questo senso Sekiro non è da meno. La morte può sembrare una questione piuttosto grave, eppure non è che l’inizio della vostra esperienza. Perseverare dopo ogni scontro o sconfitta vi permetterà di apprezzare la curva di apprendimento del gioco, e anche quando sarà ingiusto o la sconfitta farà troppo male: continuate a provare. Prima o poi la vittoria sarà vostra, ed è quanto mai vero con un titolo così tecnico come Sekiro: Shadows Die Twice.


Questa guida è stata scritta esclusivamente per GameSoul, è quindi vietata la riproduzione di tale guida o parti di essa senza il consenso dell’autore. ©2019 by GameSoul.it. All Rights Reserved. Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale. Game content and materials are trademarks and copyrights of their respective publisher and its licensors. All rights reserved.

Mi piacciono i videogiochi e mi piace scrivere, perché non unire le due cose? So anche imitare Topolino e Joe Bastianich, ma non mi pagano per farlo.

Lost Password