fbpx

Microsoft investiga su alcune accuse di molestie sessuali nel reparto Xbox

Una realtà troppo spesso ignorata

Microsoft investiga su alcune accuse di molestie sessuali nel reparto Xbox

Le notizie su molestie sessuali e abusi di potere purtroppo sono ormai all’ordine del giorno in praticamente qualsiasi settore, e anche quello dei videogiochi non è escluso.

Ci sono stati diversi casi negli anni come ad esempio quello di Quantic Dream, ma ora sotto accusa troviamo il reparto Xbox di Microsoft.

Secondo un report di Quartz infatti Microsoft attualmente sta svolgendo delle indagini per verificare ben 90 pagine di mail di alcune dipendenti che hanno denunciato diversi casi di molestie sul lavoro, ed in particolare come queste siano state spesso totalmente ignorate dal reparto Risorse Umane di Xbox.

Una delle testimonianze riporta addirittura “minacce di morte se non si accettavano prestazioni sessuali“, oppure casi in cui le donne venivano “costrette a sedersi sulle ginocchia di qualcuno durante le riunioni anche in presenza delle Risorse Umane che non hanno fatto nulla per impedirlo”.

Altre hanno riportato che “il manager si è giustificato dicendo che stava solo flirtando, e che dovevano semplicemente farsene una ragione. Le Risorse Umane hanno risposto che non essendoci prove e che l’uomo lavorava per una compagnia partner e non per Microsoft non potevano fare nulla“.

Kathleen Hogan delle Risorse Umane di Microsoft ha quindi deciso di avviare un’indagine ufficiale sulla divisione Xbox rispondendo:

Siamo sconcertati e tristi per queste esperienze. È davvero doloroso sentire queste storie e sapere che qualcuno sta soffrendo in Microsoft. Dobbiamo fare di meglio.

Vedremo come si evolverà la situazione, e in caso di conferme speriamo vengano presi i dovuti provvedimenti per i responsabili.

Xbox gamescom 2018


Fonte

Il suo sogno è vedere un giorno la fine delle console war e tornare ai tempi in cui si giocava per divertirsi, non per contare i pixel o i frame. Nel profondo è consapevole che si tratta di un'utopia, ma nel frattempo lui si gode tutte le piattaforme disponibili sul mercato senza rinunciare a nulla, alla faccia dei fanboy. Ha una ossessione al limite del maniacale per Batman, Star Wars e il collezionismo di statue e Collector's Edition di videogiochi, tanto che la madre ancora si chiede perché semplicemente non si droghi come tutti i ragazzi della sua età... di sicuro spendeva di meno.

Lost Password