fbpx

Frostpunk – I 10 Consigli d’Oro – Guida

Sopravvivere al grande inverno.

Frostpunk – I 10 Consigli d’Oro – Guida

State compiendo i primi passi nel mondo gelido di Frostpunk? Vi ritroverete ad affrontare un ambiente terribile, brutale e indifferente ai vostri bisogni. Dovrete costruire e mantenere un avamposto nel bel mezzo del nulla, portando sulle spalle il peso di poter essere l’ultimo baluardo dell’umanità. Con pochissime risorse a disposizione ed il vostro popolo sempre sull’orlo della crisi e della fame, sarete messi a dura prova come leader dell’ultima città del pianeta. 

Il titolo di 11 Bit Studios è stato una vera sorpresa, un gioco ibrido che ha saputo amalgamare meccaniche prese dal genere gestionale per unirle sapientemente con il survival game emotivamente più coinvolgente, e se volete saperne di più vi rimandiamo direttamente alla nostra recensione. Abbiamo già esplorato le gelide lande di Frostpunk per voi, siamo sopravvissuti alla nuova era glaciale e abbiamo fatto sopravvivere ancora una volta la razza umana. Per farlo però, abbiamo dovuto sacrificare molto, forse troppo; sono morti a decine sotto la nostra guida, che si è trasformata in un nuovo ordine. Ma quello che abbiamo imparato nelle gelide lande potrà essere utile a voi che avanzate lentamente nelle nevi perenni di Frostpunk.

Frostpunk

consigli_1

Prima le basi, poi il resto

Non fatevi affascinare eccessivamente dalla quantità di edifici costruibili sin dall’inizio: le vostre risorse sono pochissime e non sono facilmente reperibili, specie agli inizi. Preoccupatevi esclusivamente dei bisogni più basilari dei vostri sopravvissuti: un tetto sopra la testa è una necessità primaria per i cittadini del vostro avamposto, quindi investite le prime unità di legname per costruire delle tende per loro. Preparate i vostri sopravvissuti a raccogliere immediatamente carbone e legname, che sono materie prime essenziali: il carbone permetterà l’accensione del generatore e non dovrà mai mancare. Il legname vi darà accesso a costruzioni essenziali come strade, tende e avamposti medici. Successivamente dovrete costruire una capanna dei cacciatori per procurare il cibo ai vostri cittadini.

consigli_1

Controlla sempre i lavoratori

Quando i nostri cari sopravvissuti si infortunano nei posti di lavoro, saranno costretti a lasciare il loro compito per dirigersi verso l’infermeria. Ogni buon amministratore potrebbe sostituire queste risorse vacanti con altri lavoratori, ma ciò significa che quando gli infortunati torneranno dal congedo per malattia rimarranno senza incarico di lavoro. Un widget in basso a destra vi terrà informati sui lavoratori senza impiego: tenetelo sempre sotto controllo e impiegate tutte le risorse possibili in ogni momento (specialmente nelle miniere di carbone), perché è la chiave per la sopravvivenza.

consigli_1

Costruisci minimizzando la dispersione di calore

Cercate di costruire il vostro avamposto costruendo case, centri di ricerca e strutture vicini gli uni con gli altri. Non solo perché questo ridurrà lo spreco di calore evitandovi di dover costruire altri piccoli generatori (che consumano carbone), ma anche perché più andrete avanti più l’avamposto inizierà a richiedere spazio per strutture specifiche (segherie, miniere a vapore, ecc) che necessiteranno di aree più vaste per sfruttare le loro capacità.

consigli_1

Tieni d’occhio la mappa del calore!

Nello spietato e gelido mondo di Frostpunk, il calore è forse la risorsa più preziosa di tutte, pertanto è nostro dovere monitorarlo spesso. La mappa del calore è accessibile cliccando in alto e al centro sui gradi attuali, che attiveranno una specie di visione a infrarossi del nostro avamposto. Gli edifici “blu” sono considerati freddi, e se lo saranno troppo, la produzione cesserà. Idem per le case, rese inabitabili dal gelo o le infermerie; inoltre le persone si ammaleranno molto più velocemente. Come abbiamo già spiegato al punto 3, l’ottimizzazione può farti risparmiare un sacco di carbone, quindi se avete esagerato con i generaori potete disattivare alcuni elementi per preservare le scorte nei periodi di estremo bisogno. Potete anche far funzionare alcuni hub di calore in determinati orari, per riscaldare i luoghi di lavoro solo durante il giorno.

Frostpunk

consigli_1

I centri di ricerca non devono mai fermarsi

I workshop (centri di ricerca) sono edifici vitali che possono essere “riempiti” solo dagli ingegneri, e hanno un ruolo vitale: trovare nuove tecnologie e migliorare quelle esistenti. Per farlo, dovete impiegare ben 5 persone e avere sufficienti risorse per iniziare una ricerca: le primissime da portare a termine riguardano caccia ed esplorazione, per poi passare alle risorse primarie, come miniere di carbone, segherie o acciaierie. Non dimenticate anche di migliorare l’efficienza del generatore!

consigli_1

Puoi migliorare le costruzioni senza demolirle!

Quando inizierete a sbloccare nuove strutture grazie ai centri di ricerca, tenete presente che molte sono la naturale evoluzione di quelle che già possedete: le tende in case, le miniere di carbone diventano alimentate a vapore e così via. Frostpunk vi permette di posizionare i nuovi edifici direttamente sopra quelli già costruiti, riciclando anche le risorse già utilizzate nel pool di quelle necessarie per le nuove versioni. Così facendo risparmierete risorse ed ottimizzerete la resa delle nuove costruzioni.

consigli_1

Lo scavatore di carbone necessita di un deposito di raccolta

Il coal thumper (scavatore di carbone) è un’edificio molto importante che produce più carbone di quanto facciano persino le miniere, ma richiede anche molte più persone per il suo corretto funzionamento. Ogni scavatore ha bisogno di ben due depositi per la raccolta di risorse, che a loro volta richiedono cinque persone per rendere al massimo. La versione “evoluta” dello scavatore che sbloccherete con i centri di ricerca arriverà a supportare ben quattro depositi per la raccolta di risorse, quindi tenetelo a mente e riservate lo spazio necessario già alla prima costruzione.

consigli_1

Legifera solo quando necessario

Il libro delle leggi può darvi moltissimo potere sui cittadini, cambiando drasticamente la loro vita con pochi e semplici clic. Cercate però di non abusarne sin dall’inizio per evitare di creare troppo malcontento; potete però utilizzare vostro vantaggio per aumentare le vostre possibilità di sopravvivenza. Le uniche due che consigliamo di promulgare riguardano i turni di lavoro dei vostri cittadini: con Emergency Shift e Extended Shift potrete avere a disposizione due “skill di emergenza” che costringeranno i lavoratori a fare un extra turno in caso di pericolo. Se il grande freddo è in arrivo un turno in più nella raccolta di carbone può davvero salvarvi la vita, e ricercare alcuni potenziamenti può fare la differenza.

consigli_1

Risparmia risorse e immagazzinale

Se la vostra gestione dell’avamposto sta dando i risultati sperati, potreste finire per raggiungere il cap di risorse immagazzinate. Non lasciate che le vostre preziosissime materie prime vadano sprecate: costruite più depositi di risorse, specialmente per quanto riguarda cibo e carbone, in modo da avere un’adeguata scorta per i tempi di gelo.

consigli_1

Viva gli Automaton!

Questi instancabili lavoratori sono vere e proprie macchine automatizzate che lavorano senza mai stancarsi, sette giorni su sette, ventiquattro ore al giorno. Non si ammalano, non si arrabbiano, non si ribellano, ma possono guastarsi. Li potete trovare esplorando i dintorni con gli scout e potete anche crearli nelle vostre fabbriche ad un prezzo veramente elevato. Gli automaton sono una risorsa estremamente importante che va sfruttato il più possibile, anche perché necessitano degli Steam core, unico elemento che non può essere estratto o fabbricato. Vi consigliamo di impiegarli nelle miniere di carbone per massimizzare il flusso di combustibile necessario per la sopravvivenza della vostra città.


 

Nato nel medioevo videoludico, i fantastici anni ’80, Amedeo è cresciuto con i grandi classici del gaming, passando per tutte le console sulle quali riuscisse a mettere le mani. Appassionato fino alla morte di Star Wars e The Witcher, vive fra mondi fatti di LEGO e GDR cartacei. Nel tempo libero gli piace dare legnate in palestra e leggere libri.

Lost Password