Steam Spy chiude, addio alle statistiche pubbliche di Steam

La privacy prima di tutto?

Steam Spy chiude, addio alle statistiche pubbliche di Steam

La notte scorsa ha segnato la fine di Steam Spy. Il servizio, che monitorava ore, vendite e picchi di giocatori, non potrà più operare a causa dei cambiamenti di privacy apportati da Valve a Steam.

Gabe Newell e soci, infatti, hanno deciso che da oggi in poi sarà possibile oscurare il monte di ore. In aggiunta, già di default, la libreria non sarà più visibile pubblicamente. Grazie a questi cambiamenti, Steam Spy si trova fuori dai giochi e rende il lavoro di tracking dei titoli decisamente più arduo, se non quasi impossibile.

Il problema non riguarda però solamente le statistiche. Come affermato anche da alcuni sviluppatori, infatti, Steam Spy è stato utile anche per loro, grazie alla possibilità di monitorare i giocatori e le vendite iniziali. Si tratta dunque di una perdita, decisamente importante, per il mondo dei videogiochi su computer. E chissà che in futuro Steam non possa, in qualche modo, offrire un servizio del genere, magari però limitato solamente agli sviluppatori.


Mi definisco amante dell’industria dei videogiochi. Adoro ogni sfaccettatura di questo mondo e ho deciso di farne, in qualche modo, il mio lavoro. Quando non scrivo (e non gioco, ovviamente) mi diletto tra la chitarra, il calcetto e le serie TV.

Lost Password