Kingdom Come: Deliverance – Guida allo scassinamento

Nessuna serratura avrà più segreti

Kingdom Come: Deliverance – Guida allo scassinamento

L’esordio di Kingdom Come: Deliverance, il massiccio open-world di Warhorse Studios che fa del realismo storico il suo punto cruciale, non è stato fra i migliori: ci sono alcuni problemi tecnici ripetuti lungo il corso del gioco e degli aspetti un po’ troppo oscuri che avrebbero meritato una spiegazione in più, come Andrea ha ben scritto nella recensione. Uno di questi riguarda l’elemento fra i più cruciali per chi ha vissuto a pane e Skyrim, o ancora prima Oblivion ma sono giusto degli esempi, fino adesso: l’arte dello scassinamento. Può darsi che nelle fasi iniziali di un qualunque titolo ci ripromettiamo di essere più rispettosi della legge ma tempo di avere fra le mani un grimaldello e la situazione si rovescia, vedendoci alla disperata ricerca di qualunque lucchetto possa finire sotto le nostre esperte dita. Proprio l’esperienza è un punto cruciale dello scassinamento in Kingdom Come: Deliverance, un punto che tuttavia non viene sottolineato a dovere, lasciandoci l’illusione di poter aprire persino una camera blindata con il semplice uso di una forcina, se volessimo. In realtà le cose sono molto diverse da come ci vengono mostrate, in particolare all’inizio, ma vediamo di procedere con calma.

La ricerca di realismo è penalizzata da una meccanica spiegata abbastanza superficialmente e piuttosto complicata soprattutto su console. All’atto pratico, lo scassinamento è disponibile fin dal vostro villaggio natale, Skalica: nel portare a termine le commissioni affidatevi da vostro padre dovrete parlare con Kunesh, l’ubriacone che ha contratto un debito piuttosto ingente e non ha alcuna intenzione di pagare. Le buone maniere con lui non servono perciò la scelta più immediata dopo aver tentato di parlamentare è passare alle mani. Nel caso non doveste riuscire a batterlo ci sono altre due possibilità: una di queste è chiedere al vostro amico Fritz alcuni grimaldelli. Una volta elusa la sorveglianza di Kunesh entriamo in casa sua e oltre la porta a destra troveremo il baule con parte degli oggetti che ci deve come risarcimento. Cosa fare a questo punto?

COME FUNZIONA?

Anzitutto bisogna individuare il punto debole muovendo il cursore finché diventerà più grande e cambierà colore. Qui entra in gioco la parte più difficile, ovvero ruotare la serratura di centottanta gradi mentre si mantiene il cursore nella stessa posizione. È più facile a dirsi che farsi, naturalmente, perché la regola non scritta imposta da Warhorse Studios è l’incredibile sensibilità della serratura in base alla nostra esperienza: partendo da zero non dobbiamo nemmeno pensare di approcciarne una Difficile, perché è quasi assicurata la rottura del grimaldello – scontata è invece l’eventualità in caso di una Molto Difficile. La dicitura “Questa serratura è troppo complessa” è un buon campanello d’allarme per farvi intuire che state andando incontro a una sfida al di là delle vostre possibilità e considerato che i grimaldelli si comprano oppure si ottengono da altri personaggi con metodi più o meno legali, non si è molto propensi a sprecarli. Capire quando siamo pronti per serrature sempre più complesse non è immediato, come dicevamo è tutta una questione di esperienza e sensibilità che si sviluppa sia in quanto giocatore sia come Henry: semplicemente, dalla resistenza opposta al grimaldello, riuscirete a intuire se si tratterà di una sfida alla vostra portata oppure no. Non forzate la mano!

UN PICCOLO TRUCCO

Come accennato prima, il procedimento è piuttosto macchinoso e complesso su console dovendo utilizzare entrambe le levette in perfetta sincronia. Se state invece giocando su PC vi suggeriamo caldamente di usare mouse e tastiera poiché la rotazione della serratura è demandata a un singolo tasto e non all’uso dell’analogico. Per gli aspiranti cavalieri su PlayStation 4 e Xbox One, il consiglio è di prendervi il vostro tempo e sforzarvi di sbloccare la serratura in un unico tentativo: questo perché il grimaldello si consuma e fermarsi per poi ricominciare diminuisce a livello critico le vostre possibilità di successo. Un piccolo trucco per aggirare questo problema è uscire dalla schermata di scassinamento e poi rientrarci, in questo modo non solo il grimadello non risulterà usurato ma cambierà anche la posizione del punto debole – potreste voler sfruttare questo fatto per agevolarvi e far apparire il punto d’ingaggio in una posizione migliore ma tenete sempre conto che state commettendo un crimine e non sempre riuscirete a concedervi il lusso di perdere tempo. Soprattutto all’inizio, scassinate senza avere nessuno nei paraggi in modo da procedere in totale tranquillità.

Il MUGNAIO

In questo un aiuto prezioso può offrirvelo il mugnaio Peshek. Lo incontrerete per motivi di trama e gli potrete chiedere, fra le varie cose, di insegnarvi a scassinare: vi darà quattro grimaldelli e vi porterà a un baule di livello Facile con il quale potrete esercitarvi ogni volta che vorrete. Tenete però a mente che pur essendo un tutorial consumerà effettivamente i vostri grimaldelli, quindi agite sempre con cautela. Infine vi consigliamo di attivare due abilità in particolare fra quelle a disposizione per lo scassinamento: Grimaldelli Resistenti, che raddoppierà la durata degli strumenti, e Tocco Magico che invece agevolerà il tutto spostando il punto d’inizio. Ora siete pronti per darvi ad attività illecite in tutta Boemia ma non fatevi cogliere con le mani nel baule!

 

Questa guida è stata scritta esclusivamente per GameSoul, è quindi vietata la riproduzione di tale guida o parti di essa senza il consenso dell’autore. ©2018 by GameSoul.it. All Rights Reserved. Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Italia. Game content and materials are trademarks and copyrights of their respective publisher and its licensors. All rights reserved.

Cresciuta negli anni ’90 con un Game Boy e un Nintendo 64, è poi diventata ancora bambina un’adepta Sony a tempo pieno, ma appena può si dedica anche ad altre console. Da Metal Gear ha imparato l’approccio stealth, che applica anche alla vita reale riducendo al minimo la sua socialità; quando non è impegnata a nascondersi in una scatola di cartone e pretendere di passare inosservata, però, chiacchiera volentieri di qualsiasi cosa. Videogiochi in testa, ovviamente. E quando non parla, scrive o gioca, legge principalmente romanzi gialli.

Lost Password