Miglior Avventura – GameSoul Awards 2017

GameSoul Awards 2017

Miglior Avventura – GameSoul Awards 2017

In cerca di storie

Miglior Avventura – GameSoul Awards 2017

Siamo tutti in cerca di storie, e che ne siamo noi i protagonisti o un personaggio fittizio, poco importa. Le storie ci permettono di imparare, crescere ed emozionarci. I videogiochi ormai hanno superato il loro momento di “ingenuità”, sono un medium più maturo e in grado di raccontare storie più profonde, personali e anche dal forte impatto sociale. Ma ci sono anche storie che ci strappano un sorriso, e altre che lasciano sia il mondo di gioco a parlare e a coinvolgere il giocatore. Proprio come RiME, il peculiare e atteso titolo di Tequila Works: un bambino, una volpe e una misteriosa isola in mezzo al mare. L’avventura per eccellenza, quella all’insegna della scoperta e del mistero.

Alcune avventure provengono, invece, dal passato. Thimbleweed Park, nello specifico, proviene da un passato in cui si usava il termine “avventura grafica”. No, non è un remake, ma il titolo di Ron Gilbert, leggendario autore ex-membro dell’altrettanto leggendaria LucasArts, ha riportato sotto i riflettori quelle avventure punta e clicca dalla grafica in pixel e dagli enigmi a base di oggetti. Un viaggio esilarante in una cittadina bizzarra: cosa chiedere di più (una gara di sputi, forse, ndr)?

Cambiamo approccio e registro con un’avventura dinamica più moderna e attuale, Life is Strange: Before the Storm, prequel della stupenda serie targata Dontnod/Square Enix del 2015. Noi per primi eravamo scettici e spaventati dalla volontà di raccontare una nuova storia appartenente a quell’universo, ma il lavoro svolto da Deck Nine ha stupito ed emozionato. Un racconto moderno e maturo, con una protagonista indimenticabile.

Non l’unica, in questo anno videoludico all’insegna di figure femminili più reali e uniche. Proprio come Senua, la protagonista di Hellblade: Senua’s Sacrifice, ambiziosa avventura di Ninja Theory che ha letteralmente travolto il pubblico, portando a casa svariati premi per il suo coraggio di raccontare l’inenarrabile, la malattia mentale, attraverso un videogioco. A dimostrazione che si possono raccontare tante storie diverse, l’ultimo titolo nella nostra lista è What Remains of Edith Finch, un meraviglioso e peculiare “walking simulator” che sceglie di narrarci la storia dimenticata di una altrettanto peculiare famiglia. Una premessa semplice ma dal forte impatto emotivo assicurato.

E voi, quale tra queste avventure premierete quest’anno? Votate! 



And the Winner is…

Qual è stata la Miglior Avventura del 2017?

  • Life is Strange: Before the Storm (47%, 1.882 Votes)
  • Hellblade: Senua's Sacrifice (25%, 989 Votes)
  • RiME (12%, 476 Votes)
  • What Remains of Edith Finch (9%, 360 Votes)
  • Thimbleweed Park (7%, 289 Votes)

Totale Voti: 3.996

Loading ... Loading ...

Inizia la sua carriera videoludica con un Game Boy e una cartuccia di Wario Land. Da allora non ha più smesso, e continua a perdere decimi all'occhio destro giocando a The Legend of Zelda e a qualsiasi titolo stuzzichi il suo (finissimo, a detta di molti) palato da videogiocatore. Quando non gioca si dedica al perfezionamento della sua imitazione di Joe Bastianich, senza disdegnare la compagnia di un buon film.

Lost Password

Sign Up