Un’operazione firmata nostalgia tascabile: ritorna il Tamagotchi

A ben 20 anni dal suo lancio sul mercato.

Un’operazione firmata nostalgia tascabile: ritorna il Tamagotchi

Ha accompagnato le nostre giornate in quegli anni in cui lo smartphone era ancora un lontano miraggio: parliamo del Tamagotchi, il famosissimo giochino elettronico di Bandai in cui bisognava prendersi cura di una strana creaturina: dal farlo mangiare a ripulire i suoi bisogni ma anche controllarne l’età, la fame, il peso e tante altre caratteristiche.

Perché vi abbiamo fatto fare un viaggio indietro nel tempo? Semplicemente per informarvi che per festeggiare il ventesimo anniversario del simpatico giochino elettronico, dovrebbe “ritornare” negli Stati Uniti dal 5 novembre e in quantità limitata ad un prezzo di 15$. Lo schermo è il 40% più piccolo di quello originale e non sarà retroilluminato (così come quello originale). A parte le dimensioni il dispositivo è praticamente lo stesso.

Il cassetto dei ricordi viene aperto fin troppo spesso in questi ultimi anni: NES Classic Mini, SNES Mini, Ataribox e ultimo ma non ultimo il ritorno del Commodore 64. Tornando al Tamagotchi, dal 1996 ha venduto circa 82 milioni di unità: un risultato davvero strepitoso.

Metterete “nuovamente” in tasca questa vecchia gloria? Ma non dimenticate di averne cura altrimenti potreste ritrovarvi con qualche (s)gradita sorpresa.








Da quando ha viaggiato nel tempo a bordo della Time Machine DeLorean DMC-12 la sua vita è cambiata radicalmente. Amante dei viaggi del tempo, predilige le console dai tempi del NES. Figlio degli anni '80, colleziona tutto quello che oggi viene definito come Vintage. Inguaribile Nerd e divoratore di serie TV.
Seleziona la piattaforma per lasciare il commento

Leave a Reply

Lost Password