Shadowverse, il gioco di carte in stile Anime – Guida introduttiva

Shadowverse, il gioco di carte in stile Anime – Guida introduttiva

Sei in cerca di un gioco di carte on-line che sia divertente, fresco e interattivo? Shadowverse, è il gioco di carte dal sapore orientale nato da poco ma che già sta facendo parlare di sé. Il gioco è scaricabile gratuitamente al sito https://shadowverse.com/ e giocabile sia su PC con Steam o da mobile su Android. Il client per il momento non è disponibile in italiano ma ne uscirà una versione quest’estate.
La seguente guida è un modo per guidare i nuovi giocatori verso quest’esperienza più unica che rara nel genere. Nuove meccaniche e numerosi mazzi validi lo rendono sia competitivo che divertente, senza affidare le proprie giocate al caso ma a un’accurata strategia.

Regole del gioco

Un TCGO (Trading Card Game Online) è, come suggerisce il nome, un gioco di carte di cui non si possiede una copia fisica dei propri mazzi ma bensì una copia digitale legata al proprio account personale. Ogni giocatore ha a disposizione 40 carte nel mazzo e 20 Punti Vita, denominata Defense. La partita finisce quando uno dei due giocatori raggiunge 0 Punti Vita. Se i punti si azzerano nello stesso turno per entrambi i giocatori, la sconfitta viene assegnata al giocatore che ha eseguito quel turno.

Come illustrato nell’immagine, il tavolo di gioco, in gergo Board o Area, illustra alcune informazioni importanti. Ciò che salta per prima all’occhio è la classe, evidenziata dall’immagine del personaggio e soprannominata Leader, e indica il tipo di carte che contiene il mazzo. Sulla board possono essere posizionate un massimo di cinque pedine che si daranno battaglia per arrivare alla vittoria. Qualora un effetto cerchi di posizionare una pedina in eccesso verrà automaticamente eliminata.

Ogni giocatore ha inoltre un massimo di nove carte che possono essere tenute in mano nello stesso momento. Per le carte in eccesso vale la stessa regola delle pedine e verranno automaticamente scartate. Il conteggio delle carte in vostro possesso e dell’avversario è evidenziato dall’apposita icona cerchiata in rosso nell’immagine. Ogni turno ogni giocatore pesca una carta. Nell’icona è anche compreso, nell’ordine, il cimitero ovvero quanti follower sono morti e il numero di carte rimanenti nel mazzo. Qualora un giocatore esaurisca il proprio mazzo riceverà la sconfitta automatica.

La pergamena a sinistra indica il Battle Log, ovvero un riassunto delle mosse che si sono verificate precedentemente nel caso vi siate distratti.

Quando avete eseguito le mosse che desiderate nel vostro turno, potete passare con un click su End Turn. C’è un limite di tempo per ogni turno ma anche per rispetto verso gli avversari cercate di non prolungare più del dovuto un turno se non avete mosse da compiere. Le sfere verdi intorno a tale bottone portano il nome di Play Point, PP o Orb, globi. Dopo ogni turno ne otterete uno extra fino a un massimo di dieci. Per giocare le carte in vostro possesso dovete spendere i PP indicati dal costo della carta. Ad ogni nuovo turno vi verranno restituiti tutti i PP usati precedentemente in aggiunta a quello extra. La frazione sotto la sfera indica nel numeratore quanti PP avete a disposizione nel turno corrente e al denominatore quelli totali nel turno.

Le sfere di fianco ai personaggi indicano quanti turni mancano a poter usare le evoluzioni. L’Evolution è una particolare mossa che potenzia una pedina in campo, fornendogli la capacità di attaccare solo altre pedine immediatamente se appena messa in campo ed attivando speciali effetti. Il giocatore che comincia per primo ha a disposizione due evoluzioni contro le tre dell’avversario e il numero è indicato dai rombi luminosi sopra la sfera. Lo scopo è quello di bilanciare la partita visto che poter giocare pedine per primo comporta un notevole vantaggio.

Le evoluzioni possono essere utilizzate solo dopo 5 turni, che coincide con il turno del secondo giocatore. Chi comincia come primo o secondo giocatore viene scelto casualmente. All’inizio della partita vengono pescate tre carte per il primo giocatore e quattro per l’avversario. E’ possibile rimettere nel mazzo le carte che non si desiderano e pescarne di nuove ma  l’operazione non può essere ripetuta. Per bilanciare il numero di carte, il secondo giocatore pesca due carte aggiuntive all’inizio del suo primo turno invece che una.







Ispirato dalla vita reale, diventa appassionato di Survival Horror fin dalla tenera età ma non disdegna il genere Stealth e qualsiasi meccanica possa stimolare l'istinto strategico di gestire risorse limitate in un ambiente ostile.
Seleziona la piattaforma per lasciare il commento

Leave a Reply

Lost Password