Until Dawn: Rush of Blood, il making of

Chi vuole fare un giro sulle montagne del terrore?

Supermassive Games ha rilasciato un video making of, in cui gli sviluppatori ci parlano di come sia nata l’idea di Until Dawn: Rush of Blood e di come sia stata sviluppata per PlayStation VR.

Simon Harris, produttore esecutivo, ci spiega come il loro intento primario fosse sfidare tutte le regole della realtà virtuale:

L’idea di Rush of Blood ci è venuta sperimentando con la realtà virtuale. Siamo andati controcorrente. Una della prime regole della VR era: tenere il giocatore fermo. Si può guardare intorno, ma è meglio evitare accelerazioni o movimenti bruschi. Così abbiamo provato a creare delle montagne russe in realtà virtuale.

Keith Linares, il designer del titolo, si è invece concentrato sui meccanismi della paura:

La realtà virtuale è una novità per tutti. La vera sfida è stata scoprire cosa fa paura nel mondo in VR. La paura si basa sull’aspettativa. È come un contratto con i giocatori: sanno che succederà qualcosa, ma non sanno quando e nemmeno cosa sarà.

Rush of Blood è ambientato nell’universo di Until Dawn, ma (gli sviluppatori assicurano) non sarà necessario aver giocato al titolo originale per godersi lo spin-off:

Se conoscete Until Dawn riconoscerete dettagli, luoghi e personaggi. In caso contrario, è comunque un giro su una giostra davvero esaltante.

Quindi, se il vostro sogno è quello di sparare a degli zombie dal carrello di una montagna russa, non è il caso di farsi problemi di trama. Until Dawn: Rush of Blood sarà disponibile insieme a PlayStation VR dal 13 ottobre. Pagate il biglietto e salite in carrozza!

until-dawn-rush-of-blood-making-of-1-gamesoul


Fonte







Cresciuta con un fratello più grande di 7 anni, le console sono state il suo pane quotidiano fin dalla nascita. Dopo l'uscita della PlayStation si è buttata sui j-rpg, ma nel suo cuore rimane indelebile il ricordo del riccio supersonico targato Sega.

Lost Password