Hideo Kojima risponde ad alcune teorie dei fans su Death Stranding

Death Stranding

Best Trailer, Biggest Surprise - E3 2016
PS4

Hideo Kojima risponde ad alcune teorie dei fans su Death Stranding

Più che dare conferme, Kojima sgombra il campo da alcuni dubbi

Hideo Kojima risponde ad alcune teorie dei fans su Death Stranding

Una cosa che Hideo Kojima riesce sempre a scatenare è la curiosità dei suoi fans. Basti vedere quello che sta succedendo con Death Stranding, primo progetto del celebre game designer giapponese dopo il suo allontanamento da Konami.

Il gioco è stato presentato con un trailer all’E3, che ha colto di sorpresa un po’ tutti perchè non ci si aspettava di conoscere qualche informazione così presto, appena 6 mesi dopo la formazione del nuovo studio di sviluppo capitanato da Kojima-San. Eppure, quest’ultimo e Sony devono aver pensato che i tempi fossero già maturi per mostrare al pubblico il frutto della loro rinnovata collaborazione (ricordiamo infatti che il titolo uscirà su PlayStation 4 e PC).

Come succede praticamente sempre, i fans si sono subito scatenati nelle più diverse teorie su ciò che il gioco potrebbe essere. Dal trailer obiettivamente si capisce pochino, ma Kojima ha voluto quantomeno specificare alcune cose rispondendo direttamente ad alcune ipotesi. Ecco le sue dichiarazioni:

Sì, ho letto alcuni dei commenti dei fans…posso rispondere ad alcune di queste. Ad esempio, più di qualcuno ha scritto che secondo lui il bambino che si vede nel trailer è una sorta di clone del personaggio interpretato da Norman Reedus…beh, questo posso proprio smentirlo! Per quanto riguarda quella sorta di equazione incisa sul suo collo, che riporterebbe alla presenza di un buco nero…beh, vi dico che volevo che dal trailer si potessero scoprire cose come questa. Infine, c’è chi ha visto un richiamo al mio passato in Konami. Voglio essere molto preciso su questo: la canzone che fa da sfondo al video di presentazione si intitola “I’ll keep coming”, e l’abbiamo scelta anche in riferimento al ritorno mio, di Reedus e di Kyle Cooper (storico collaboratore di Kojima, ndr). Ma è una cosa che riguarda noi, non il mio passato in Konami.

Insomma, dichiarazioni certamente interessanti ma come al solito Kojima è un maestro nel rispondere lasciando più dubbi che certezze… E per voi questo Death Stranding alla fine che gioco sarà? Sarà qualcosa di simile all’ormai abbandonato Silent Hills?

death-stranding


Fonte

Straordinariamente attratto da tutto ciò che il videogioco rappresenta, ne seguo l'evoluzione in tutti i suoi aspetti augurandomi di assistere ad una costante crescita, che è quello che sta accadendo da decenni. Il videogioco è versatile, emozionante, capace di intrattenere e di regalare momenti memorabili: come si fa a non adorarlo?

Lost Password