E3 2016

Un sguardo più da vicino a Resident Evil 7

L'orrore in prima persona

Dopo l’annuncio alla conferenza Sony di ieri, sono state rilasciate ulteriori informazioni sul nuovo capitolo della pluripremiata e ormai ventennale saga survival horror. Con Resident Evil 7 si parla di un ritorno alle origini, dell’intenzione di far sperimentare ai giocatori che cosa sia il vero orrore: una volontà, questa, ampiamente supportata dalla visuale in prima persona, da una grafica foto-realistica tutta dovuta al nuovo motore grafico Resident Evil Engine e, per i possessori di PlayStation 4, dal supporto completo alle possibilità offerte da PlayStation VR. L’immersività è dunque assicurata e il terrore respira sul collo.

Diamo ora un rapido sguardo all’ambientazione. Sappiamo di trovarci nella moderna America rurale, a seguito dei drammatici eventi raccontati in Resident Evil 6; la demo Beginning Hour, annunciata oggi, vede riprendere conoscenza all’interno di un cottage fatiscente situato in un’inquietante piantagione. L’imperativo è uscirne vivi ma siamo realmente sicuri di essere soli? Cosa ci aspetta dietro ogni angolo?

Immancabili gli elementi distintivi come l’esplorazione, la risoluzione di puzzle e le atmosfere cupe, che hanno fatto della serie un caposaldo del survival horror. Questa volta però lo sviluppo tramite le più moderne tecnologie audio/video disponibili porterà ad un livello di profondità mai toccato in precedenza, con un sistema di gioco nuovo e fresco al fine di portare l’esperienza del survival horror a un livello ulteriore. Un assaggio l’abbiamo già avuto con la presentazione della tech-demo Playstation VR “KITCHEN”.

Gli iscritti a PlayStation Plus possono tuffarsi a sfidare l’orrore e scaricare la demo (già da ora) di Resident Evil 7 Teaser: Beginning Hour per PlayStation 4 prima che venga resa disponibile anche per le altre piattaforme. Resident Evil 7 è previsto per PlayStation 4 (con il supporto Playstation VR), Xbox One e Windows PC (Steam e Windows 10 Store) il 24 gennaio 2017. L’attesa sarà dunque breve.

Certo la scelta della prima persona è davvero singolare ma le premesse per un ottimo titolo ci sono tutte. Aspettando di saperne di più, vi lasciamo con una corposa galleria di immagini e il trailer “Desolation“.


e3 2016 news







Cresciuta negli anni ’90 con un Game Boy e un Nintendo 64, è poi diventata ancora bambina un’adepta Sony a tempo pieno, ma appena può si dedica anche ad altre console. Da Metal Gear ha imparato l’approccio stealth, che applica anche alla vita reale riducendo al minimo la sua socialità; quando non è impegnata a nascondersi in una scatola di cartone e pretendere di passare inosservata, però, chiacchiera volentieri di qualsiasi cosa. Videogiochi in testa, ovviamente. E quando non parla, scrive o gioca, legge principalmente romanzi gialli.

Lost Password