DiRT Rally – Recensione PS4/Xbox One

DiRT

a tensione si percepisce nell’aria. Ogni attimo può essere quello giusto, lo spartiacque tra un nuovo eccezionale record stabilito ed una cocente delusione. Siete soltanto voi ed il vostro navigatore. Una voce che imparerete a rispettare, ma soprattutto a seguire alla lettera, perché solo così potrete sfruttare ogni istante, evitando quegli errori che potrebbero compromettere il vostro duro lavoro di squadra.

Quella che vi porterà sempre ad un passo dal compiere l’impresa, ma che dovrà essere dosata con attenzione, spingendo al massimo tutte le volte che potrete ma correndo sempre al limite, senza potervi mai rilassare. Non sarà facile padroneggiare al meglio la vostra auto, ma una volta che accenderete il motore e scenderete in pista sarà difficile spegnerlo. Come si dice, “un’altra partita e poi smetto”. Benvenuti in DiRT Rally in versione console e che abbiamo provato “su strada” nella controparte PS4. Siete curiosi di conoscere il nostro verdetto? Continuate a leggere per scoprirlo.

DiRT Rally

Piattaforma: PS4, Xbox One, PC

Genere: Racing simulativo

Sviluppatore: Codemasters

Publisher: Koch Media

Giocatori: 1

Online: Eventi Online

Lingua: Completamente in italiano

Come avevamo avuto di raccontarvi non molto tempo fa, trattando la versione PC di DiRT Rally, il fatto stesso di voler proporre un gioco idealmente pensato per un pubblico di nicchia come quello degli appassionati di simulatori di guida poteva inizialmente apparire come una scelta legata a non pochi dubbi, soprattutto in relazione alla presenza sempre meno frequente di generi per certi versi storici a discapito di esperimenti più o meno riusciti ed in linea con gli standard più recenti. Eppure, se proprio ve ne fosse bisogno, ribadiamo con molto piacere come Codemasters  sia riuscita nell’impresa di rendere attraente un gioco che in passato sarebbe stato molto apprezzato da un ristretto numero di utenti, e che invece ora estendendo il concetto di divertimento risultadecisamente consigliato anche per coloro che non rientrano propriamente nel focus target prestabilito. Proprio in tal senso, la scelta di tener conto dei numerosi feedback ricevuti dall’utenza è stata senza dubbio molto ben ragionata e soprattutto si è concretizzata come meglio non si poteva, considerando il risultato finale. Stiamo parlando infatti, senza girarci troppo intorno, di un gioco che se non raggiunge la perfezione di sicuro gli si avvicina molto, cosa non facile considerando le alte aspettative fin da subito si erano manifestate verso DiRT Rally. Da questo punto di vista, il fatto di aver puntato fortemente sull’aspetto simulativo rappresenta una decisione netta, certamente in grado di offrire molti pregi e pochi, pochissimi difetti.

DiRT Rally si presenta come un simulatore di rally curato nei minimi dettagli,  divertente anche per gli utenti meno esperti

Trattandosi di un titolo che dal punto di vista dello stile di guida lascia ben poco all’improvvisazione, bisogna tener conto che la curva d’apprendimento potrebbe risultare molto soggettiva, in base alle esperienze personali di ogni utente. Questo fattore rappresenta certamente un primo parametro di valutazione di cui tener conto, strettamente correlato ad elementi quali il livello di difficoltà ed il realismo, che però fin dalle prime partite si manifesteranno senza mai portare alla frustrazione ma anzi con un livello di appagamento e divertimento che crescerà in maniera direttamente proporzionale ai piccoli, ma significativi, risultati che riuscirete ad ottenere, rosicchiando decimi di secondo dopo ogni sessione ed iniziando a migliorare i vostri riflessi in relazione alle fondamentali indicazioni che il vostro navigatore vi fornirà con puntuale precisione. Il fatto stesso che la versione console sarà accompagnata dal rilascio di diversi DLC in grado di arricchire l’esperienza ludica, rappresenta inoltre un ulteriore incentivo per considerare positivamente l’acquisto del gioco, ma è già dalla prima partita che vi renderete conto della sostanza di cui DiRT Rally è fatto. Analizzando infatti il gameplay è difficile non rimanere positivamente colpiti da come sia intuitivo riuscire a passare gradualmente da uno stile di guida rozzo e poco produttivo in termini di successi, a prestazioni sempre più performanti ed appaganti, che porteranno i giocatori più meticolosi a compiere vere e proprie analisi per studiare al meglio il punto migliore in cui iniziare ad accelerare dopo una curva o quale riferimento visivo considerare per frenare al momento opportuno senza correre il rischio di commettere una serie di errori in sequenza. Insomma, emozioni a non finire.

Inizialmente non sarà così semplice riuscire a migliorare i tempi, che saranno suscettibili anche al più piccolo errore di distrazione o ad una curva sottovalutata, ma ben presto vi renderete conto di quanto sia necessaria soltanto un po’ di pratica per prendere confidenza con i comandi. Rispetto ad un gioco di guida arcade, infatti, il rally è quanto di più vicino possa esserci ad un modello di guida reale, proprio perché simulativo, quindi basterà tener presente poche regole ed un saggio uso di freno ed acceleratore per iniziare ad adottare uno stile di guida pulito che vi donerà ore e ore di divertimento a prescindere dall’auto che deciderete di utilizzare. Anzi, proprio da questo punto di vista la giocabilità può beneficiare di un’eccellente fisica perfettamente coerente con le diverse tipologie di vetture selezionabili, dunque non basterà semplicemente saper guidare bene, ma ad un certo punto entreranno in gioco le preferenze personali che vi porteranno a privilegiare l’uno o l’altro modello in particolari circostanze. Il nostro consiglio è di sperimentare il più possibile, non fosse altro per la grande possibilità offerta dagli sviluppatori che hanno ben pensato d’inserire oltre venticinque auto, molte delle quali davvero prestigiose, di varie tipologie se pensate che alcuni modelli risalgono addirittura agli anni ’60, fino ad arrivare ai giorni nostri. Insomma, che siate nostalgici o vogliate provare il rombo del motore di una vettura attuale non fa differenza, il divertimento che ne ricaverete sarà sempre ai massimi livelli. Così come per le vetture lo stesso discorso vale per le modalità disponibili, presenti in numero più che generoso. Il fattore sfida presente nella Carriera, ad esempio, è di alto spessore grazie alla presenza di diversi campionati a difficoltà progressiva ed un graduale rilascio di nuove vetture. Nulla di particolarmente originale, ma decisamente appagante una volta acceso il motore.

La modalità Carriera rappresenta una sfida impegnativa ma appagante, offrendo moltissime ore di puro divertimento

 

Prima di lanciarsi in sessioni di gioco che potrebbero però scoraggiare a fronte di una non sufficiente esperienza, potrete allenarvi scegliendo di gareggiare in singoli rally piuttosto che testare la vostra bravura confrontandovi con altri giocatori online. Molto dipenderà dalla fiducia che riporrete nelle vostre abilità di pilota, anche se uno dei maggiori pregi del gioco risiede proprio nella possibilità di consentire all’utente di migliorare costantemente gara dopo gara proprio capendo gli errori commessi e mettendolo sempre a confronto con nuove sfide sempre più impegnative. Non esiste un rally che sia davvero impossibile da superare, spesso scoprirete che tutto dipenderà non tanto dalla potenza dell’auto ma dall’uso che saprete farne. Imparando a gestirne le prestazioni in relazioni alle indicazioni da osservare, riuscirete ad ottenere un livello d’esperienza tale da poter gestire un rischio con relativa sicurezza e quindi riuscire dove decine di altre volte avevate fallito o, più frequentemente, non avevate avuto quell’intuizione utile a poter guadagnare secondi preziosi. In tal senso, DiRT Rally non sarebbe un gioco eccellente se non sfruttasse al meglio proprio questa caratteristica, che certamente farà la gioia di chi prima d’oggi non aveva mai preso in considerazione prodotti del genere, pur ritenendoli interessanti. Il fatto stesso di poter guidare attraverso un sistema di controllo ben bilanciato per sensibilità di input, consente infatti di divertirsi senza che sia necessario dover investire i propri risparmi in un volante, ma al tempo stesso senza sacrificare l’esperienza ludica. Certo, risulta evidente che ci siano delle sostanziali differenze in termini di coinvolgimento, ma nulla che vada a compromettere la percezione di avere la situazione sotto controllo.

Se da un punto di vista strettamente legato alla meccanica di gioco sarebbe stato difficile aspettarsi qualcosa di diverso rispetto alla versione PC, alcune riserve erano rimaste legate al comparto tecnico del titolo, atteso su console dalle ovvie verifiche del caso. Come volevasi dimostrare, graficamente DiRT Rally si è dimostrato anche in versione console un gioco semplicemente eccezionale sotto ogni punto di vista, a dimostrazione che gli sviluppatori hanno mantenuto tutte le promesse anche potendo contare su un’esperienza non certo trascurabile nel settore. Graficamente potrete assistere ad uno spettacolo talmente bello e realistico che è quasi un peccato non poterselo godere pienamente per timore di distrarsi troppo dalla guida. Abbiamo riscontrato alcuni piccoli ritocchi e dettagli leggermente inferiori rispetto alla versione PC, adottati per uniformare il frame rate che mostra i muscoli restando stabile a 60 fps. Un dettaglio non certo trascurabile per un gioco di rally che punta tantissimo sulla velocità e su repentini cambi di direzione dell’auto in base agli input impartiti dal giocatore. Identico discorso per quanto riguarda il senso di realismo derivante dai dettagli con cui le vetture sono state realizzate, gli effetti particellari presenti ed i segni di usura e danno in generale. Questo, abbinato ad una fisica molto convincente, si relaziona strettamente ad alcune interessanti considerazioni di carattere pratico in relazione ad alcuni elementi di puro realismo.

Il frame rate ancorato a 60 fps supporta una grafica dettagliata e convincente rendendo estremamente realistico il gioco

Se al danneggiamento di alcune importanti parti dell’auto corrisponderà una conseguente guida in condizioni estreme, altrettanto avranno un peso specifico le diverse condizioni meteo, non solo per un puro fattore estetico ma per l’impatto che avranno sulla tenuta di strada e conseguenti penalizzazioni a cui potrete andare incontro, all’insegna di molteplici dettagli davvero ben riprodotti. Non da meno sono gli effetti sonori, funzionali ma molto ben riprodotti ed in grado di calare nella giusta atmosfera di gara. In definitiva non vi sono dei veri e propri difetti del gioco, tutto sta a capire se il rally possa fare per voi oppure no. Dedicarsi ad un gioco del genere vuol dire mettere in preventivo di dover fare molta pratica, ma anche di ottenere soddisfazioni molto importanti. DiRT Rally punta tutto su un aspetto simulativo realizzato come meglio non si potrebbe, ma in grado di avvicinare anche chi vuole semplicemente mettere le mani su un bel racing game in grado di divertire e che consenta di mettersi alla prova con un modello di guida pulito e sorretto da una meccanica di gioco dal coinvolgimento immediato e duraturo. Se poi siete appassionati di questo emozionante sport l’acquisto non si rivela solo consigliato ma obbligatorio, perché si tratta davvero di uno dei prodotti meglio realizzati degli ultimi tempi, in senso generale. Uno di quei giochi che vi consentiranno di sfidare altri giocatori, a prescindere dall’età, semplicemente attirati da un’esperienza ludica di grande realismo e carisma. Come solo i migliori giochi sanno offrire.

In conclusione…

Prevedibile, forse, ma decisamente non scontato, il nostro giudizio non può che essere estremamente positivo ed è doveroso rendere merito agli sviluppatori per essere riusciti a replicare quanto di eccellente era già stato fatto per la versione PC, anche su console. Vi è poco da aggiungere a quanto espresso in sede di recensione, in quanto le qualità di DiRT come racing simulativo sono indiscutibili ed in generale ci si trova di fronte ad un titolo di alto spessore ludico, molto divertente ed assolutamente in grado di accontentare anche i giocatori più esperti per via di una connotazione altamente simulativa. Ad una struttura tecnica, curata fin nei minimi dettagli, si sposa un gameplay che sembra perfettamente pensato anche per avvicinare coloro che solitamente hanno qualche riserva verso il mondo del rally. Il divertimento non manca, sia che vogliate affidarvi al normale controller e sia che decidiate di provare un’esperienza più coinvolgente scegliendo un volante. Anche la longevità è ottima, inoltre nelle prossime settimane sarà ulteriormente ampliata grazie ai numerosi DLC in previsione, per la gioia di tutti gli appassionati. Non c’è nulla da aggiungere, accendete il motore e preparatevi a vivere una delle esperienze simulative più coinvolgenti ed appaganti mai approdate su console.

Voto: 9/10

Dentro ad un videogioco viviamo esperienze reali, in cui abbiamo accesso a molte sensazioni: possiamo quasi credere che esistano per davvero, perché l'universo del gioco non è nient'altro che la nostra realtà mentre la viviamo. Non importa che rappresenti l'esperienza di cinque minuti o di un'ora intera. Ma se potessimo svegliarci dentro un videogioco cosa sceglieremmo? E se potessimo manipolarlo e interagire con esso? Le possibilità diventerebbero infinite, come infinite sono le storie che attraverso i videogiochi possiamo vivere.
  • mirko

    Un confronto tra Sebastian L. rally e Wrc 5?

Lost Password