Blue Volta – Anteprima GamesWeek 2015

Blue Volta – Anteprima GamesWeek 2015

MilanoIl mercato indipendente italiano è sempre più florido, soprattutto grazie ai nuovi mezzi di cui il nostro medium preferito si è appropriato, come Kickstarter o Steam Greenlight, che permettono a sempre più persone di mettere in gioco la propria idea e, magari, raccoglierne i frutti. In questo senso Blue Volta sembra essere sulla strada giusta, con il piccolo team di Ossocubo (composto appena da quattro persone), con una bella idea applicata ad un genere dalle molteplici possibilità.

ossocubo_bluevolta_screen1

GamesWeek Divisorio (1)

Il titolo narra una storia semplice, ma dalle grandi possibilità: Zeno è un Bibliotecario, appartenente ad un ordine che, ciclicamente, è impegnato a custodire un’enorme biblioteca contenente libri dai saperi più disparati. Ne è allo stesso tempo prigioniero, e solo la scoperta di un libro mai restituito lo porterà ad infrangere il suo voto per avventurarsi nel mondo esterno e riportare il libro al suo luogo d’origine. Durante la GamesWeek di Milano abbiamo giocato il prologo, in cui si faceva la conoscenza di Zeno e dei suoi bizzarri aiutanti o, per così dire, abitanti della biblioteca: Edgar è ad esempio uno strano essere dalle forme cubiche che dispensa massime e filosofeggia sulla realtà quotidiana della biblioteca. Il tempo a nostra disposizione era breve, ma grazie all’ispiratissimo character design e ai dialoghi pungenti e interessanti ci si ritrova fin da subito immersi in un mondo surreale, bizzarro ma assolutamente ammaliante.

 

Ci si ritrova fin da subito immersi in un mondo surreale, bizzarro ma assolutamente ammaliante.

 

Blue Volta è infatti un’avventura grafica di stampo classico, tutta basata sui dialoghi e sulle loro molteplici opzioni e sull’interazione sull’ambiente tramite oggetti di vario tipo, che dovremmo utilizzare con ingegno per superare ostacoli più o meno  realistici. Partendo da questi presupposti il titolo Ossocubo è assolutamente da tenere d’occhio, perché è riuscito a dimostrare con poco e in un breve lasso di tempo quanto amore vi è stato riposto, al netto di placeholder esilaranti (i quadri con le foto di Obama ne sono un esempio) e di ambientazioni ancora incomplete.

bluevolta_screen2

GamesWeek Divisorio (1)

GamesWeek Banner (1)







Inizia la sua carriera videoludica con un Game Boy e una cartuccia di Wario Land. Da allora non ha più smesso, e continua a perdere decimi all'occhio destro giocando a The Legend of Zelda e a qualsiasi titolo stuzzichi il suo (finissimo, a detta di molti) palato da videogiocatore. Quando non gioca si dedica al perfezionamento della sua imitazione di Joe Bastianich, senza disdegnare la compagnia di un buon film.
Seleziona la piattaforma per lasciare il commento

Leave a Reply

Lost Password