fbpx

Elementare Watson!

Elementare Watson!

Chi non ha mai sognato poter dire questa frase risolvendo un quesito o un problema che gli si era posto davanti? Bene dal 20 settembre chiunque potrà pronunciarla a voce alta impersonando proprio la fonte originale del motto famoso. In quella data uscirà per PS3, Xbox360 e Pc il misterioso gioco “The Testament of Sherlock Holmes” sviluppato ovviamente da Frogwares (come gli altri capitoli della serie Sherlock Holmes).

L’investigatore si aggirerà in una stupenda Londra al culmine del suo periodo vittoriano. Siamo nel 1898 e Sherlock se la vedrà con una trama di gioco complessa e adulta. Si troverà di fronte a vari enigmi e dovrà sfoderare tutto il suo repertorio di sapere e arguzia per scegliere quali indizi seguire e quali lasciar perdere. Inoltre potrà scegliere l’approccio migliore per parlare con i personaggi e carpire che cosa si cela dietro le loro parole.

Il gioco promette una piacevole avventura in terza persona piuttosto originale. La sensazione è quella di poter trovarsi tra le mani un potenziale adventure-game che sta tra Layton ed L.A. Noire, ma è probabilmente molto più saggio aspettare. Quello che invece si può valutare dagli screenshot e dal trailer (trovate tutto qua sotto) è la conferma di quanto annunciato circa la speciale costruzione delle scene e delle texture sviluppate ad alta risoluzione. Alcuni screenshot sembrano delle vere e proprie tele disegnate accuratamente con delicate pennellate.

Il mistero si infittisce. Troveremo sullo scaffale un titolo di nicchia dedicato solo agli appassionati del genere oppure un titolo capace di ritagliarsi uno spaziato in un periodo in cui i tripla A la faranno da padrone? Bene. Avanti allora. Per chi cerca altri indizi si consiglia di munirisi di cappellino adatto, pipa e lente di ingrandimento, dopodiché andare su www.sherlockholmes-thegame.com.

ARVE Error: id and provider shortcodes attributes are mandatory for old shortcodes. It is recommended to switch to new shortcodes that need only url

Nato appena in tempo per veder trionfare gli azzurri a Spagna '82, ma quella sera dormiva. Muove i primi tasti con il Commodore 64 per poi passare alle gioie del NES e i floppy dell'Amiga. Da anni cerca di affinare il suo vocabolario cercando l'insulto perfetto per rispondere a Guybrush Threepwood in una loro privata discussione. Sta mettendo da parte i soldi per comprarsi una DeLorean.

Lost Password